Apofruit festeggia dieci anni di presenza in Sicilia

Apofruit festeggia dieci anni di presenza in Sicilia, a Donnalucata, in provincia di Ragusa. Dieci anni di crescita che ha trainato lo sviluppo di un intero territorio dalla forte vocazione ortofrutticola e ha gettato le basi della coltivazione biologica nell’area di riferimento. Dieci anni di numeri in salita che sono stati evidenziati durante i festeggiamenti del 10 aprile nello stabilimento di Donnalucata.

Alla presenza dei soci che coltivano ortaggi in serra e dei soci produttori di patate del Siracusano, Mirco Zanotti, presidente di Apofruit Italia, ha salutato soci, produttori e dipendenti e si è detto molto soddisfatto dei risultati raggiunti. “In questi dieci anni molte cose sono cambiate - ha evidenziato Zanotti - i soci produttori hanno registrato numeri in crescita anche grazie alle diverse opportunità, come l’accesso all’innovazione varietale, che Apofruit mette a disposizione dei propri soci, e allo sviluppo di alcune produzioni per le quali la Sicilia è particolarmente vocata. Tra queste la patata Selenella che, oggi, in provincia di Siracusa si estende su oltre 60 ettari, le produzioni di agrumi a Catania, le pesche, le nettarine e l’uva senza semi di Caltanissetta, le melagrane del Palermitano”.

Al direttore generale del Gruppo, Ilenio Bastoni, il compito di evidenziare i numeri dello sviluppo: “In dieci anni sono raddoppiati sia i dipendenti fissi che gli stagionali, effetto virtuoso dell’aumento del conferimento dei prodotti. Il volume iniziale del prodotto conferito si aggirava sui 13.000/14.000 quintali, mentre oggi, dieci anni dopo, a Donnalucata si conferiscono circa 60.000 quintali di prodotto. Oltre al conferimento di pomodoro, che resta la produzione predominante, oggi si producono anche melanzane, zucchine, cetrioli e, tra i prodotti recenti, l’ottimo peperone Sweet Palermo. Valide alternative per integrare il reddito, verificate tramite test sperimentali, sembrano mostrare i piccoli frutti e le fragole. Ma anche i frutti tropicali come l’avocado e la frutta secca. La Sicilia resta un territorio centrale nelle nostre strategie di sviluppo”.

Ilenio Bastoni ha illustrato anche alcuni progetti finalizzati ad accrescere sia le superfici che il numero dei soci interessati alla conversione della produzione da tradizionale a biologica.
Ernesto Fornari, direttore di Canova, la società del Gruppo Apofruit che commercializza il prodotto biologico e tiene rapporti diretti con 800 aziende bio in Italia, ha evidenziato come attualmente il prodotto biologico rappresenti la metà del volume conferito allo stabilimento di Donnalucata.

Un’opportunità da non trascurare per sviluppare nuovi progetti sul territorio è rappresentata dai contributi OCM: su questo è intervenuto il direttore tecnico di Apofruit Italia Andrea Grassi.

L’iniziativa si è conclusa con la premiazione dei primi soci di Apofruit in Sicilia: Annamaria Aprile per i prodotti convenzionali e Salvatore Guastella per i prodotti biologici.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome