Cobolli Gigli: quadro economico preoccupante, subito le liberalizzazioni

Retail

Giovanni Cobolli Gigli, presidente di Federdistribuzione ha così commentato la diffusione dei dati Istat sulla situazione economica: “i dati diffusi negli ultimi giorni dall'Istat non ci stupiscono, confermando le preoccupazioni più volte espresse: l'inflazione sale toccando livelli record degli ultimi anni, i consumi calano, il potere d'acquisto diminuisce e le famiglie sono costrette a erodere il risparmio. In particolare la crescita dell'inflazione era purtroppo attesa, anche se il balzo dal 2,8% di agosto al 3,1% di settembre riflette ancora solo marginalmente l'aumento dell'Iva contenuto nella manovra".

 

I prezzi sono destinati a salire
"Nei prossimi mesi dobbiamo aspettarci quindi che i prezzi salgano ancora  -continua Cobolli Gigli- ci auguriamo che siano messi in atto tutti i sistemi di controllo necessari per evitare speculazioni in settori meno concorrenziali rispetto a quello della Distribuzione Moderna, che attraverso le sue iniziative commerciali (le vendite dei prodotti in promozione rappresentano ormai il 30% del totale in ipermercati e supermercati) continua a tutelare il potere d'acquisto delle persone, a detrimento dei propri risultati d'impresa”.

Il decreto sviluppo deve costituire un punto di svolta
“È una situazione grave che richiede scelte immediate e coraggiose per invertire un trend che sta gradualmente impoverendo il Paese, come la realizzazione di un concreto piano di liberalizzazioni, rimasto finora solo espresso nei suoi principi, ma frenato nella sua applicazione rispetto alle intenzioni. Fondamentale quindi  che il decreto sullo sviluppo rappresenti un punto di svolta rispetto alle manovre estive finalizzate al pareggio di bilancio - conclude il presidente di Federdistribuzione - imprimendo un impulso concreto al rilancio del Paese, ridando potere d'acquisto alle famiglie e competitività alle imprese” .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here