Come coinvolgere i clienti: nuove sfide per i retailer

kiki lab retailer

Kiki Lab presenta la prima edizione della ricerca, dedicata alle dinamiche di coinvolgimento dei clienti nel retail e realizzata in partnership con il consorzio internazionale Ebeltoft Group. Lo studio sarà presentato in occasione del convegno Horizontal Retail 1 in programma il 27 giugno al Novotel Ca' Grande di viale Sozzani, a Milano. Si confronteranno Marco Mozzon, direttore marketing Bricocenter; Davide Dattoli, co-fondatore Talent Garden; Daniele Lago, amministratore delegato Lago; Alessandro Rimassa, direttore e co-fondatore TAG Innovation School; Ernesto Dalle Rive, presidente Nova Coop e Alessandro Messina, responsabile politiche sociali. Ad arricchire il convegno Horizontal Retail Live: Focus Group di un’ora con un gruppo di millennials progettato da Kiki Lab e condotto dal giornalista Armando Garosci, per indagare e approfondire  atteggiamenti e comportamenti di acquisto in diversi settori.

Ci saranno inoltre due presentazioni di alcuni partner della ricerca: Fabrizio Valente presenterà alla Businnes Community Shoptalk Europe: il più importante evento per il Retail e l’eCommerce che arriva in Europa, con oltre 2.000 partecipanti attesi a Copenhagen, dal 9 all’11 ottobre.

 

Fabrizio Valente, fondatore e Ceo di Kiki Lab – Ebeltoft Italy, spiega: “Questa ricerca internazionale indica le strade più efficaci per ricostruire relazioni coinvolgenti e fidelizzanti con i clienti, illustrando numerosi casi di Retailer tradizionali capaci di vincere questa nuova sfida”.

 

La ricerca approfondisce 12 chiavi orizzontali: co-progettazione, trasparenza, try before buy, greentailing, edutainment, digital fluid, ‘vip’ care, addetti multi-canale, hyperlocal, valutazioni peer-to-peer, personalizzazione e community.

 

Provando a sintetizzare le varie chiavi di lettura si può che i clienti considerano sempre di più la trasparenza un valore non negoziabile, a cui contribuiscono attivamente lasciando frequenti feedback dopo le proprie esperienze di ogni tipo, dagli acquisti al consumo, dal turismo alla ristorazione. Che la globalizzazione anche nel retail ha iniziato a generare reazioni di insofferenza. E che le community, probabilmente l’espressione più completa del mondo orizzontale, nel ‘nuovo mondo’ hanno una caratteristica fondamentale per essere davvero propulsive per un retailer.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here