Con il piano Vog 2010, le mele Marlene si concentrano

Produttori

L’assemblea generale del VOG ha approvato la strategia VOG 2010, che racchiude le linee guida del futuro assetto commerciale e organizzativo del Consorzio di Terlano (Bz).
Il nuovo asset del VOG nasce con l’obiettivo di rendere più snella ed efficace l’attività commerciale del Consorzio attraverso un processo di riorganizzazione interna.

“La strategia VOG 2010 nasce con l’obiettivo di consolidare la nostra posizione sul mercato e, sul lungo periodo, di garantire ricavi equi ai nostri produttori -ha affermato il Presidente Georg Kössler-. Grazie alla nuova strategia riusciremo ad offrire un servizio più efficiente ai nostri clienti, rispondendo in modo più rapido e efficace alle loro richieste e alla evoluzione del mercato“.

“Oggi la singola cooperativa non è più in grado di tener testa alle sfide internazionali del mercato -ha aggiunto il direttore Gerhard Dichgans-. La parola d’ordine è serrare le file ed è questa la strada indicata nel nostro programma, che rappresenta inoltre l’adeguamento della nostra struttura ai requisiti formali richiesti dal vigente regolamento europeo per poter continuare a godere dello status di organizzazione di produttori”.

Il meccanismo del nuovo assetto
Il programma prevede la creazione di 4 Pool che, a partire da agosto 2010, riuniranno al loro interno le 18 Cooperative frutticole che fanno parte del Consorzio, suddividendole in maniera omogenea in base alle diverse zone di produzione.

I pool, che insieme commercializzeranno la totalità delle mele da tavola prodotte dai singoli membri, lavoreranno secondo le medesime direttive di fornitura, cernita e conteggio, pagando i singoli produttori frutticoli in base al loro status di membri e ai volumi forniti.

I direttori delle 18 cooperative socie inoltre, saranno direttamente coinvolti nelle decisioni commerciali, garantendo a ogni cooperativa la possibilità di controllare e influenzare le scelte strategiche del Consorzio.

Ogni pool nominerà un rappresentante che farà parte del gruppo di lavoro centrale, che sarà presieduto dal direttore del VOG, e avrà il compito di definire la programmazione generale delle vendite, l’individuazione degli obiettivi di produzione e di ricavo, nonché l’uso dei marchi e delle strategie di marketing a sostegno degli obiettivi di fatturato.

In futuro quindi, grazie a questa struttura, il Consorzio coordinerà interamente il processo di vendita, che sarà fatturato in toto a livello centrale e suddiviso in otto settori strategici di attività, ognuno corrispondente a un mercato target.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome