Conad cresce del 5,9% Pugliese eletto AD

francesco pugliese conad
francesco pugliese conad
Retail

Rinnovate le cariche sociali Conad: Claudio Alibrandi è stato riconfermato presidente, mentre Francesco Pugliese (in foto) è stato eletto amministratore delegato nel consiglio di amministrazione e mantiene la carica di direttore generale.


Crescita in tutte le regioni
Il Consorzio ha inoltre reso noti i risultati 2013 che confermano il trend di crescita in tutte le regioni italiane, portando il giro d'affari a 11,6 miliardi di euro - 648 milioni più del 2012 (+5,9%) - e rafforzando ulteriormente la leadership nel canale dei supermercati, al 18,5 per cento, e nei negozi di prossimità, al 14,3% (fonte: Guida Nielsen Largo Consumo, II semestre 2013).

Migliorata la solidità patrimoniale
Significativa la crescita di Conad in tutto il territorio nazionale, che ha portato la quota di mercato all'11,4% e guadagnato ancora terreno rispetto al leader (fonte: Guida Nielsen Largo Consumo). Migliorata anche la solidità patrimoniale, che ammonta a 1,95 miliardi di euro (+15,5%).
In tale scenario, Conad ha investito nella salvaguardia del potere d'acquisto degli italiani con una serie di iniziative di convenienza che hanno dato risposta ai nuovi modelli di consumo e alle esigenze di una clientela che ha come obiettivo primario di risparmiare anche sulla spesa quotidiana.

600 milioni di risparmio per i clienti
Le iniziative nazionali hanno generato oltre 600 milioni di risparmio per i clienti. In modo particolare Bassi&Fissi, nella quale Conad ha investito 250 milioni di euro, dando risposta a necessità emergenti e accrescendo al contempo la fedeltà alla propria marca (+2,2 per cento).
“Abbiamo ottenuto risultati positivi - annota l'AD e direttore generale di Conad Francesco Pugliese -, ma non possiamo ancora dire di esserci lasciata la crisi alle spalle. I consumi continuano a diminuire, si fa economia su tutto, compreso ciò che si porta in tavola rinunciando talora anche alla qualità. Viviamo una crisi diventata ormai strutturale, in cui la domanda interna non dà segni di ripresa. Per questo investiremo ancora, puntando a crescere e ad essere sempre più il punto di riferimento per la spesa di un numero crescente di persone”.

La dinamica dei consumi delle famiglie è ancora molto debole; per questo Conad, coerente con la propria natura cooperativa, continuerà ad investire anche nel 2014 in attività di sostegno al potere d'acquisto e nello sviluppo dei propri soci.

Rimodulata la rete di vendita
Nel corso del 2013 Conad ha rimodulato la propria rete di vendita, presente in 1.468 comuni e 108 province italiane. I punti vendita sono scesi a 3.019 (erano 3.067 nel 2012) per una superficie complessiva di 1.750.643 mq, cresciuta di 28.311 mq rispetto all'anno precedente: 40 ipermercati, 187 Conad Superstore, 936 Conad, 893 Conad City, 717 Margherita Conad e 246 altre insegne.

Bene i prodotti a marchio
Ai risultati positivi del 2013 ha contribuito il buon andamento della marca del distributore, che prosegue nel suo trend di crescita a tassi superiori alla media di mercato. Le vendite di prodotti Conad sono aumentate del 15% rispetto all'anno precedente, con un mercato che - a totale Italia iper e supermercati - ha guadagnato solo il 5%, generando un fatturato di 2,5 miliardi di euro.
La marca ha raggiunto una quota del 26,2% (1,5 punti percentuali in più rispetto al 2012) distanziando - secondo le rilevazioni Symphony Iri - il totale Italia di 7,2 punti percentuali e garantendo la qualità da leader con una convenienza del 25-30 per cento. Dunque, più di un prodotto su quattro venduti è a marca Conad. La crescita è generalizzata in tutte le categorie merceologiche e si rivela fondamentale per accrescere la fedeltà all'insegna, tanto da essere leader nel 43% e occupare la seconda posizione in un altro 30%.

Il servizio carburanti
Sul fronte dell'innovazione di servizio, Conad ha in attività 23 distributori di carburanti che da novembre 2005 - anno di apertura del primo impianto a Gallicano, in provincia di Lucca - a fine 2013 hanno prodotto un beneficio per gli automobilisti di 55,2 milioni di euro, pari ad un prezzo mediamente inferiore di 8,6 centesimi di euro rispetto al prezzo medio comunicato dal ministero dello Sviluppo Economico.
Le 73 parafarmacie hanno prodotto convenienza per i clienti per ulteriori 7 milioni di euro.
I reparti Ottico (12) e le Cremerie Sapori&Dintorni (22) completano il quadro dei servizi.

Nuova tappa anche per il progetto degli store Sapori&Dintorni con l'apertura di Sassari; una formula di successo anche alla luce di una produttività ai vertici del mercato con oltre 22 mila euro a metro quadrato.

Aperture nelle grandi stazioni
A inizio 2014 ha preso poi avvio il programma di aperture nelle grandi stazioni ferroviarie italiane con l'inaugurazione a Roma Termini. La prossima sarà a S. Maria Novella, a Firenze.
L'export Conad ha chiuso il 2013 con una crescita del 20,7%, attestandosi a 60,3 milioni di euro, focalizzato sui prodotti italiani di maggior successo, sempre più presenti nei canali della grande distribuzione estera, a marchio Conad, Sapori&Dintorni Conad e Creazioni d'Italia, quest'ultimo creato esclusivamente per il mercato internazionale.
Conad conferma il piano strategico degli investimenti per il triennio 2012-2014 annunciato nel 2011 - 770 milioni di euro finalizzati a 260 nuove aperture e 5.800 assunzioni -, anche se ridimensionato a causa dell'applicazione dell'articolo 62 che ha drenato liquidità dalle casse di Conad per oltre 450 milioni di euro.

Factoring
Lo scorso anno, Conad e UniCredit hanno siglato un innovativo accordo di factoring al servizio degli attori della filiera che ha raggiunto gli 800 milioni di euro di valore, consentendo alle imprese fornitrici coinvolte di disporre di un polmone finanziario non trascurabile nell'attuale panorama degli affidamenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here