Consumo di vino in Italia sotto i 40 litri procapite

Produttori

Ismea ha reso noti i dati relativi al primo semestre 2010 del mercato vini  che parlano di un aumento del 7,6% dell'export italiano. Infatti, se è vero che aumentano le esportazioni è altresì vero che diminuisce il consumo interno. In Italia siamo scesi sotto la soglia dei 20 milioni di ettolitri, quindi con un consumo pro-capite che per la prima volta si attesta sotto i 40 litri  e con un calo che dalla fine degli anni '80 oggi ha superato complessivamente il 30%. L'export è invece in pieno sviluppo con crescite a due o tre cifre (dati Nomisma): Regno Unito (+94% rispetto a vent'anni fa), Stati Uniti (+47%), Russia (+63%), Cina (+160%).

Adriano Orsi, presidente del settore vitivinicolo di Fedagri, nel corso dell'Assemblea delle cooperative vitivinicole
ha detto che a questo punto "esportare fuori dai confini nazionali il vino made in Italy più che un'opportunità sembrerebbe un obbligo. La crisi economica - spiega Orsi - ha ridimensionato il trend di crescita riportando nel 2009 il valore dell'export sotto i 3,5 miliardi (con un calo del -2,2% rispetto al 2008), ma i dati sulle esportazioni nei primi sette mesi del 2010 mostrano una ripresa delle vendite oltre frontiera."

Dati sulle regioni
Risultati positivi dalle regioni del Sud Italia che fanno registrare il
maggiore incremento della quota export: +9,8% contro una media nazionale
pari all'8,1%. Le regioni più performanti sono Puglia (+22,1%), Campania (+25,1) e Basilicata (+24,4%).
Interessante notare che nel caso della Puglia, la crescita è probabilmente correlata agli
investimenti in promozione, dove ha speso un milione di euro, e ha registrato un
incremento del 44% delle esportazioni verso i paesi extra-Ue.

Numeri Fedagri
Fedagri rappresenta 425 aziende cooperative aderenti, 20 milioni di ettolitri di vino prodotto per un valore complessivo di 2,4 miliardi di euro di cui la
metà proveniente dalla vendita dei vini oltre confine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here