Coop Estense commenta la sentenza del Consiglio di Stato

Retail

Rispetto alla sentenza del Consiglio di Stato che dà ragione Esselunga per quanto riguarda l'esistenza di abuso di posizione dominante,  Coop Estense commenta: "Nel prendere atto della sentenza del Consiglio di Stato, non possiamo che esprimere sconcerto per un pronunciamento che, di fatto, va a ribaltare completamente l'orientamento assunto dal Tar del Lazio".



La cooperativa giudica questa sentenza preoccupante poiché va a sancire un principio che non ha precedenti, cioè l'impossibilità che si determina,  per  qualunque soggetto economico in possesso di alte quote di mercato, di intraprendere azioni di sviluppo, nel rispetto delle norme e delle leggi, qualora un suo concorrente volesse realizzarle al suo posto.

In sostanza, la sesta sezione del Consiglio di Stato ha affermato la
validità della sanzione di circa 4,6 milioni di euro, comminata nel
giugno del 2012 dall'Antitrust a Coop Estenze per abuso di posizione
dominante ai danni di Esselunga  per le barriere poste all'apertura di
pdv in provincia di Modena tra il 2001 e il 2009. Il Consiglio di Stato
sottolinea come le azioni di Coop Estense fossero legittimi in termini
formalmente amministrativi, ma illecita in termini concorrenziali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome