Coop, fra le novità 2015 nuovi farmaci con proprio marchio

Nel dibattitto tenutosi a Marca-Bologna è emerso fra i vari dati quello più significativo in termini di overview statistica: la battuta d’arresto nel 2014 segnata nel cammino di crescita registrato dai prodotti a marchio fino al 2013. “Io non vorrei che si esagerasse nelle geremiadi –ha detto Domenico Brisigotti, direttore prodotto a marchio Coop – anche perché il prodotto a marchio rimane un presidio di convenienza e qualità e per quanto ci riguarda è cresciuto nel 2014 del +3%. I nostri dati continuano a essere positivi e la quota dei prodotti a marchio coop sul fatturato totale (che ammonta a 3 miliardi) supera il 27%”.



Un milione di profilattici nel 2015: a marchio coop

Le linee trainanti sono il biologico (Vivi Verde +16%) e il premium (Fior Fiore, +14%). Il prodotto a marchio copre anche mercati fino ad oggi rimasti inesplorati dalla private label, anche se fanno sempre più parte dei consumi quotidiani. “Penso all’area benessere –precisa Brisigotti – con i prodotti Bene.sì ossia i salutistici, con un +18%, e al profilattico a marchio Coop: una prima assoluta in Italia, con ottimi risultati di vendita, 10.000 confezioni vendute in un mese (100.000 profilattici), numeri paragonabili a uno dei più importanti brand leader di mercato. Con questo ritmo di vendite, stimiamo di arrivare a 1 milione di profilattici a marchio Coop distribuiti in un anno”.

Altre novità

Per il 2015 Coop proporrà nuovi farmaci (allo stato attuale sono 5 i farmaci distribuiti negli oltre 100 Coop Salute e se ne aggiungeranno altri 2) e integratori a marchio (oggi sono disponibili 3 tipi, ma si sta già implementando la gamma con altri 12 integratori), con l’obiettivo di offrire prodotti sicuri, di alta qualità a prezzi decisamente inferiori rispetto al mercato: -30% rispetto alle corrispondenti marche di riferimento vendute nel circuito delle farmacie.

“Sui farmaci –aggiunge Brisigotti - faremo una campagna per una maggiore liberalizzazione: le vendite ci danno ragione e in rete Coop l’acido acetilsalicilico/acido ascorbico (ovvero il farmaco più diffuso per il trattamento degli stati febbrili e delle sindrome influenzali) ha fatto +50% rispetto al corrispettivo di marca, mentre il paracetamolo Coop + 8% verso l’omologo di marca leader”.

Sulle nuove norme di etichettatura

A proposito della nuova direttiva Ue sull'etichettatura, “tutto ciò che va in direzione di una maggiore trasparenza per il consumatore è buona cosa, ma per noi di Coop non è una novità - commenta Brisigotti -. Il nome del produttore era anche sul primo prodotto a marchio, un panettone realizzato a Milano nel 1892. E comunque continuiamo a pensare che bisogna andare oltre all’indicazione del produttore e indicare la provenienza delle materie prime che compongono quel prodotto: a questo si ispira la nostra campagna Origini Trasparenti sui nostri prodotti a marchio. E accanto al 'dove si produce', bisogna sempre indicare anche 'il come': l’origine è un’informazione utile, ma altrettanto importanti sono le garanzie sulle modalità produttive, sui controlli, sulle caratteristiche di sicurezza e qualità dei prodotti”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here