Coop Sicilia avvia il piano di risanamento

Accordo siglato tra Coop Sicilia e le segreterie regionali e provinciali di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil. Si scongiurano così 273 posti di lavoro e parte il piano di risanamento del gruppo.

In una nota Coop Sicilia chiarisce che “Il pre-accordo raggiunto ieri con le organizzazioni sindacali garantisce il pieno mantenimento dei livelli occupazionali, a fronte dei 273 esuberi inizialmente previsti, nessun lavoratore sarà licenziato, e un significativo recupero di efficienza nei punti vendita, ottenuto anche grazie a maggiore flessibilità, esodi volontari e interventi su alcuni istituti contrattuali”.

L’accordo, firmato dalle che dovrà essere ratificato nei prossimi giorni dopo lo svolgimento delle assemblee dei lavoratori, sarà operativo dal prossimo 1° ottobre. Il piano di sviluppo porterà entro il 2020 all’apertura di nuovi punti di vendita e all’ammodernamento di quelli esistenti. L’accordo permette il mantenimento dell’ipermercato di Ragusa, che avrebbe dovuto chiudere i battenti, e la garanzia di tutti i lavoratori dentro Coop Sicilia, compresi quelli degli uffici di Catania che prossimamente chiuderanno così come quelli dei 4 negozi di Palermo e Catania previsti in chiusura. I sindacati spiegano: «Grazie alla sottoscrizione dell’accordo si potrà dare il via al piano industriale che traghetterà tutti i lavoratori a partire dal primo gennaio 2018 in Coop Allenza 3.0, società che attualmente detiene la proprietà di Coop Sicilia».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome