Danone per Haiti dona il primo milione di piatti di riso

Produttori

I consumatori apprezzano di poter sostenere l'iniziativa che consiste appunto nel donare, per ogni confezione da due yogurt acquistata, un piatto di riso agli abitanti haitiani colpiti duramente dal terremoto. Questo a giudicare dal raggiungimento di 1 milione di confezioni vendute dopo meno di due mesi dal lancio sul mercato dello yogurt base business di Danone, in distribuzione dallo scorso 18 maggio.
L'intera operazione è certificata IRI e verificata dalla fondazione
internazionale DNV (Det Norske Veritas) e prevede una rendicontazione
mensile del numero di confezioni vendute con invio ad Haiti e relativa
traduzione in piatti di riso tramite la Fondazione Francesca Rava, che
rappresenta in Italia N.P.H., organizzazione umanitaria presente da 22
anni sull'isola con numerosi progetti in aiuto ai bambini.


Il prodotto e il progetto
Il prodotto -realizzato in Italia, nello stabilimento di Casale Cremasco- è disponibile in confezioni da due vasetti o in formato famiglia da otto e in cinque diverse varianti di gusto: fragola, frutti di bosco, albicocca, banana e bianco naturale.
Totalmente italiano è il progetto Danone per Haiti. Ideato dai dipendenti di Danone Italia, i quali saranno attivamente coinvolti nell'operazione gestendo nei punti di vendita le promozioni estive al posto delle hostess. Non solo ma gli ideatori del progetto, prenderanno parte al viaggio ad Haiti come volontari.

Supporto media sul web
Per raccontare e condividere questa iniziativa, Danone ha utilizzato anche i canali multimediali costituendo in primis un blog aziendale, dove sono descritte tutte le fasi del progetto, dalla nascita ad oggi. Inoltre, sono stati creati una pagina Facebook e un profilo di Twitter, costantemente aggiornati con le ultime novità, mentre su Flickr e YouTube si trovano foto e video, di volta in volta caricati per raccontare il viaggio, gli incontri, le interviste, gli eventi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here