Esselunga, 2008 lusinghiero

Retail

Fatturato in crescita del 7,8%, margine netto in aumento del 36,2%, indebitamento abbattuto di quasi il 40%, 1.100 dipendenti in più. Sono i numeri che si leggono nel bilancio di Esselunga al 31 dicembre 2008, approvato dal Consiglio di amministrazione del Gruppo presieduto dal suo fondatore Bernardo Caprotti. Se si considera che i numeri sono stati ottenuti nell’anno della peggiore crisi finanziaria del dopoguerra il giudizio non può essere che lusinghiero.

I numeri

Nella lettura dei dati più significativi del bilancio, che riportiamo nella tabella qui sotto, bisogna segnalare che il risultato operativo in realtà presenta un’incidenza sul fatturato del 5,2% rispetto al 5,4%, del precedente esercizio. La lieve contrazione è dovuta a svalutazioni per 19,4 milioni di euro sui valori immobiliari e ai maggiori ammortamenti.

Politica commerciale

L’espansione del fatturato è dovuta soprattutto alle politiche di  prezzo praticate nel corso dell’anno e al forte sviluppo dei prodotti a marchio, le cui vendite sono cresciute del 24%, cioè un livello tre volte più alto del fatturato. Per il quarto anno consecutivo, Esselunga è stata giudicata dalla rivista Altroconsumo l’insegna più economica nelle città analizzate e in cui è presente. 400 milioni di euro sono stati spesi per lo sviluppo della rete; l’incremento di occupazione è stato fatto quasi interamente con il ricorso a contratti di asunzione a tempo indeterminato: i contratti a termine e i contratti di somministrazione sono stati rispettivamente il 3% e l’1,2% del totale dei dipendenti.
I rapporti di lavoro a contenuto formativo, che riguardano il 12% della forza lavoro, sono stati confermati a tempo indeterminato nel 92% dei casi.

Previsioni

Per ogni euro risparmaito sui costi i clienti riceveranno un vantaggio pari a un euro. Questa è la filosofia dell’operazione “Giù i prezzi”, che porterà a una riduzione dell’esborso dei clienti stimato a regime in 70 milioni di euro. Per il 2009, compatibilmente con gli aspetti burocratici e formali legati alle procedure urbanistiche delle amministrazioni competenti, sono in programma 7 nuovi pdv, con circa 800 nuovi posti di lavoro.

Il bilancio Esselunga 2008

     2008 Variazione
Vendite (mio euro)  5.782,6  +7,8%
Margine operativo lordo (mio euro)  421,4  +11,5%
Utile netto di gruppo (mio euro)  202,6  +36,2%
 Investimenti (mio euro)  490,3  +29%
 Indebitamento netto (mio euro)  275,0  -160,8
 Risorse umane (unità) 18.706  +1.106

 Fonte aziendale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here