La struttura appena inaugurata nel cuore di Parigi, al 60 Avenue des Champs-Elysées, coniuga presente e passato, tradizione e innovazione  in uno spazio di 6.500 mq sviluppato su quattro livelli.

Philippe Houzé, executive chairman Galeries Lafayette Group, sottolinea: “Questo è un nuovo concetto di negozio, che è allo stesso tempo dirompente e intriso di storia”.

L’edificio è in stile Art Deco e risale agli anni Trenta. È stato trasformato dall’architetto danese Bjarke Ingels e dalla sua ditta BIG (Gruppo Bjarke Ingels). È stato progettato un layout per consentire un flusso facile di visitatori tra spazi interni ed esterni in modo da spostarsi facilmente nei quattro piani della struttura che risultano interconnessi fra di loro anche grazie a originali soluzioni architettoniche. Il locale propone aree per lo shopping, ristoranti e spazi per eventi e spettacoli.

"La nostra azienda sta attualmente attraversando una profonda trasformazione orientata verso l’omnicanalità – spiega Nicolas Houzé, chief executive officer di Galeries Lafayette -  L'inaugurazione di questa struttura è un passo fondamentale di questo percorso. Inoltre vuole essere una risposta alle nuove pratiche di consumo e uno spazio aperto a tutte le idee che stanno trasformando il mondo ".

La struttura

Il piano terra è uno spazio pensato per accogliere eventi e negozi pop-up insieme a un'area beauty suddivisa in tre aree dedicate al benessere e alla cura di sé: al profumo, con una gamma di marchi di profumi premium e di nicchia, e infine trucco e bellezza. Al primo piano c’è una selezione di prodotti in pelle di marchi emergenti, uno spazio per sneakers unisex, un Denim Lab e aree per oggetti di design che vanno dalla ceramica alla tecnologia. Infine è predisposto anche uno spazio per una gioielleria. Il primo piano ospita anche Citron per la pausa caffè.  Il secondo piano propone  brand  di lusso iconici per uomo e donna. Vicino al ristorante da 50 posti, Oursin, che aprirà a luglio 2019, c’è inoltre una selezione di gioielli e orologi. Completa l’area del secondo piano la sala riunioni. Al piano seminterrato infine c’è la food court, aperta sette giorni su sette, divisa in due sezioni: dolce e salata. Comprende dieci banconi disposti attorno a tavoli condivisi di grandi dimensioni.  Julien Pham è il direttore creativo culinario e fondatore dell'agenzia alimentare Phamily First. È l'uomo dietro la selezione dei partner della Food Court: tutti artigiani ed esperti nei loro rispettivi settori.

Soluzioni architettoniche

Sono varie le soluzioni architettoniche adottate in questo punto di vendita. L’ingresso dell’edificio è contraddistinto dalla scala monumentale in stile Art Déco che consente ai visitatori l'accesso immediato ai vari reparti del negozio. In cima alle scale, l’architetto ha predisposto sei scatole di vetro sospese e completamente trasparenti che prolungano il gioco di luce naturale all'interno del negozio. Sono intese come vetrine e mostrano ogni mese nuovi marchi o prodotti. Subito dopo ci si immerge all’interno di un tunnel che introduce i clienti nell’atmosfera del punto di vendita.  Galeries Lafayette Champs-Elysées ha inoltre commissionato un'importante opera d'arte permanente da Superflex, il collettivo artistico danese che si fonderà con l'architettura dell'edificio per rappresentare la nostra epoca.

Servizi digitali

La shopping experience è potenziata da due servizi digitali sviluppati e brevettati dall'azienda: il Personal Stylist 2.0, l’app che invita i clienti a prenotare un appuntamento per discutere le loro esigenze con uno dei 300 consulenti a disposizione. L’app prevede anche un servizio di messaggistica istantanea. È inoltre disponibile lo Smart hanger, che consente ai visitatori di ottenere immediatamente informazioni su un prodotto e sulla sua disponibilità. Questo servizio è dotato di un'interfaccia utente intuitiva, tattile e illuminata che utilizza l'Rfid e Thread Technologies e consente ai clienti di ottenere un servizio istantaneo. Infine, per la vendita online Galeries Lafayette ha a disposizione l’apposito sito internet.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome