Granarolo e Gino Fabbri danno vita alla Centrale del Gusto

Nuovi concept

Granarolo e Gino Fabbri danno vita alla Centrale del Gusto: pasticceria, gelateria, caffetteria in cui, a partire da oggi giovedì 10 aprile, si potrà sostare per una dolce pausa.
La Centrale del Gusto intende coniugare l'ingredientistica di grande qualità Granarolo con l'abilità e la fantasia di un riconosciuto maestro della pasticceria, Gino Fabbri, Presidente dell'Accademia Maestri Pasticceri Italiani.



Centrale del Gusto ha abbandonato l'idea di una pasticceria con margarina, surrogati, additivi chimici e aromi artificiali per scegliere invece latte, burro, farina, yogurt e vaniglia di primissima qualità. Anche la gelateria sarà caratterizzata non solo da un'interpretazione di alta qualità dei classici gusti del gelato italiano, ma anche da nuovi esclusivi gusti derivanti dall'arte pasticcera di Gino Fabbri.
Brioche e pasticceria salate, deliziosi salatini misti e pizzette mignon saranno invece le specialità per i momenti del pranzo e degli aperitivi.

Nell'angolo del caffè si potranno gustare caffè speciali, cappuccini ed altre specialità preparate con il latte Granarolo. Ci sarà inoltre un piccolo angolo da libero servizio in cui i clienti potranno acquistare prodotti del Gruppo Granarolo, come alcuni yogurt Yomo, le mozzarelle Pettinicchio, i formaggi Podda e naturalmente il latte Granarolo.

La Centrale del Gusto nasce all'interno del Mercato di Mezzo, uno spazio ritrovato della città di Bologna e da sempre legato all'arte del saper fare in cucina con materie prime che fanno la differenza.
Il Mercato di Mezzo, ristrutturato da Coop Adriatica mantenendo l'architettura dell'antico mercato che a partire dal '500 ha ospitato le attività commerciali della Città, si trova nel cuore di Bologna (tra via Clavature e via Peschiere Vecchie) ed ospiterà vere eccellenze enogastronomiche, creando uno spazio di incontro e degustazione per clienti emiliani, italiani ed internazionali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome