La Lombardia anticipa i saldi invernali al 3 gennaio

Gli operatori della regione Lombardia quest’anno potranno iniziare le vendite di fine stagione da sabato 3 gennaio, anziché dal primo giorno feriale antecedente l’Epifania, che, cadendo nel 2015 di lunedì, non avrebbe consentito di sfruttare l’afflusso di clienti del week-end.
Con la decisione di anticipare i saldi invernali la Giunta regionale, la cui delibera ufficiale è attesa per venerdì, ha accolto la richiesta delle associazioni di categoria, con l’intento di “sostenere il comparto in questo momento di preoccupante contrazione dei consumi”, come dichiarato da Mauro Parolini, Assessore al Commercio, Turismo e Terziario.
Le regole per i commercianti
Le regole che disciplinano la materia sottolineano che i commercianti hanno l'obbligo di esporre, accanto al prodotto, il prezzo iniziale e la percentuale dello sconto o del ribasso applicato (è invece facoltativa l'indicazione del prezzo di vendita conseguente allo sconto o ribasso). I prodotti in saldo devono inoltre essere separati da quelli eventualmente posti in vendita a prezzo normale e, se ciò non è possibile, cartelli o altri mezzi devono fornire al consumatore informazioni inequivocabili e non ingannevoli. Se il prodotto risulta infine difettoso, il consumatore può richiederne la sostituzione o il rimborso del prezzo pagato dietro presentazione dello scontrino, che occorre quindi conservare.
Un accordo nazionale
Allo scopo di mantenere l’unicità della data di inizio dei saldi su tutto il territorio nazionale, l’Assessore Parolini ha richiesto anche l’intervento del coordinatore della Commissione Commercio della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Antonio Canzian. “La proposta – ha sottolineato Parolini - ha raccolto la disponibilità della maggior parte dei miei omologhi e permetterà a tutte le regioni, esclusivamente per l’anno 2015, di provvedere con propri atti ad anticipare i saldi di fine stagione al giorno 3 gennaio”.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here