Il punto di vendita di Ferrara (5.400 mq, 39 lavoratori) è il primo esempio del cambiamento di Mercatone Uno, anticipato già a Gdoweek da Gaetano Gasperini, direttore generale di Mercatone Uno, in materia di strategie commerciali che verranno ora estese a tutta la rete.
"Il negozio ferrarese -spiega Gaetano Gasperini- rappresenta il passaggio, avvenuto negli ultimi tre anni, da un’offerta basata sul di tutto, di più (richiamata dal pay off Universo del risparmio), al ruolo di specialista per la casa, caratterizzato da un’offerta focalizzata esclusivamente sul mondo della casa, altamente differenziante rispetto a tutti i principali concorrenti ed enfatizzata dal pay-off attuale Uno come nessuno".

I 4 nuovi mondi
Sulla base di questa nuova strategia commerciale, Mercatone Uno ha rielaborato la propria offerta, lavorando sulla definizione degli stili di vita: ne sono stati individuati quattro: Moderno, Urban, Shabby e Classico.

"La ridefinizione della proposta commerciale ha riguardato tanto l’aspetto strategico, ossia le linee guida per la costruzione dell’offerta, quanto i negozi, con l’esposizione e la proposta di prodotti coordinati all’interno dello stesso ambiente -specifica Gasperini-. Si è cercato di superare, laddove possibile, l’esposizione per categoria/funzione d’uso passando a un lay-out e display per stili coerente con il nuovo concetto di Mercatone Uno, proponendo un approccio di visual merchandising più orientato all’emozione e al coordinamento stilistico e suggerendo così ai clienti, con un modo rinnovato, le diverse soluzioni d’acquisto".
Mercatone Uno ha scelto Ferrara come paradigma per estendere il nuovo concept: rivisti i reparti cucine, soggiorni, divani, camere, camerette e uffici; inseriti prodotti coordinati agli ambienti, arricchiti con complementi in vendita nei reparti a libero servizio; totalmente aggiornata la proposta espositiva del reparto casalinghi e tessile, con rifacimento del reparto illuminazione, ora organizzato per stile/funzione.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here