Mercatone Uno sempre più … omnichannel

Valdero Rigoni, uno dei due soci fondatori di Shernon Holding, ha un’esperienza ventennale nell’arredamento e nella commercializzazione di arredo/design italiano in tutta Europa. Shernon Holding ha il compito di traghettare Mercatone Uno nel nuovo corso della sua storia commerciale e retail, avendo da poco (estate 2018) acquisito i 55 punti di vendita Mercatone Uno dislocati in tutta Italia, insieme alla sede direzionale di Imola e alla piattaforma logistica (oltre 50.000 mq, a San Giorgio di Piano-Bo).

Quali saranno i principali cambiamenti?

La parola d’ordine è cross-selling. L’obiettivo è valorizzare tutte le categorie merceologiche offerte in Mercatone Uno permettendo al cliente di immedesimarsi nelle esposizioni viste in punto di vendita e ricrearle con facilità a casa propria, risolvendo esigenze estetiche quanto gestionali. Mercatone Uno non deve solo arredare ma soddisfare esigenze o suggerire idee smart. Il tutto con un occhio al corretto rapporto qualità-prezzo. I punti di vendita diventeranno sempre più “experience store”: luoghi capaci di suggerire idee, offrire spazi di socialità, esperienze utili per imparare e farsi ispirare. Spazio dunque a masterclass di cucina, con noti chef del mondo televisivo, e a corsi per il fai-da-te; ad angoli riservati alle famiglie, con corner a misura di bambino, ma anche rinnovata attenzione per i single e i nuovi modi di vivere la casa.

Come sarà implementato l’eCommerce multichannel?

Il primo tassello omnicanale è stato posto ad Arzano, grazie al sistema I-wall: un catalogo virtuale che permette l’esposizione di un numero infinito di articoli, consegnabili a casa del consumatore finale o ritirabili nel punto di vendita. Un primo trait d’union tra online e offline, comprensibile anche dal consumatore medio, meno smanettone e ancora oggi principale frequentatore dei nostri negozi. Questi dispositivi digitali multifunzione consentiranno di ampliare l’offerta in negozio riducendo gli stock (con alte giacenze solo sui prodotti alto-vendenti e su quelli a volantino) e di raccogliere dati per identificare, personalizzare o migliorare le strategie di vendita.

I primi partner?

I primi partner/fornitori a credere nello strumento I-wall sono stati Pengo (marchio H&H) e Kestile. A breve, seguirà Whirlpool, primo importante test per la categoria dell’elettronica. Vogliamo offrire un modello in linea con un mondo digitalizzato, dove immediatezza e velocità fanno la differenza: le ricerche ci dicono che 3 consumatori su 4 desiderano sapere se la merce è disponibile prima di recarsi in negozio e si aspettano la consegna in giornata dei prodotti acquistati in store.

Il paniere prodotti nei punti di vendita, ramificato tra arredo, decorazione, illuminazione, casalingo, tessile, elettrodomestici e diy, verrà presto riversato anche sull’online. I nostri 55 punti di vendita sul territorio italiano svolgeranno anche una funzione di retail hub per il ritiro immediato da parte del cliente o nostra consegna in 24 ore su parecchie regioni italiane.

Come si realizzerà la nuova collaborazione con Brico Io?

Nell’ottica cross-selling: entri in Mercatone Uno per acquistare la tua nuova cucina? Ecco un’ampia scelta di rubinetti e tutto il necessario per essere autonomo nell’installazione. Vuoi ricreare la stessa tinteggiatura esposta nel soggiorno industrial visto in negozio? Ecco la vernice corretta e il pantone del momento. Gli assortimenti verranno costruiti in base alle esigenze dei nostri clienti. Mercatone Uno, grazie al supporto di Brico Io, non punta all’ampiezza di gamma, ma alla sua pertinenza rispetto al core business aziendale (il mobile) e il servizio dato al cliente che, a km zero, troverà tutto il necessario per installare a casa, in autonomia, i propri acquisti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome