Nova Coop aderisce alla campagna di Piemunto

Piemunto Nova Coop
Con la moderazione di Massimiliano Borgia, Direttore del Festival del giornalismo alimentare, sono intervenuti Giorgio Ferrero, Assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte, Giancarlo Gonella, Presidente Legacoop Piemonte, Antonio Piscitelli, Responsabile Sviluppo vendite freschi Nova Coop, Enrico Ottobrini, Responsabile Sviluppo vendite freschissimi Nova Coop

Nei 62 tra supermercati e ipermercati Nova Coop saranno introdotti in assortimento 261 prodotti, 137 confezionati e 124 al banco taglio tra cui 88 formaggi stagionati e 43 tipi di yogurt prodotti a partire da 40 diverse derivazioni di latte, identificati a scaffale con il logo specifico dell’iniziativa.


Il progetto Piemunto nasce su proposta dell’Assessore regionale all’Agricoltura, Giorgio Ferrero, e costituisce il primo esempio di marchio finalizzato alla valorizzazione del latte piemontese e dei suoi derivati di origine regionale; il logo Piemunto contraddistingue infatti il latte alimentare, lo yogurt, i formaggi e, in generale, i prodotti lattiero-caseari realizzati solo ed esclusivamente con latte di allevamenti piemontesi.

L’obiettivo di  Piemunto è dunque offrire al consumatore interessato all’origine  locale  dei  prodotti  la  possibilità  di  effettuare  una  scelta  consapevole  nell’acquisto  di  latte,  yogurt  e  formaggi. Come spiegato nel corso della conferenza stampa tenutasi oggi da Fiorfood, in Galleria San Federico a Torino, “questa  scelta  si  accompagna  ad  una  condivisibile  fiducia  nei  confronti  di  un  sistema  regionale pubblico  di  controlli  sulla  qualità  igienico  sanitaria  dei  prodotti  lattiero  caseari  nonché  ad  una  riconosciuta esperienza degli operatori privati regionali del settore lattiero caseario”.  L’iniziativa mira anche a consegnare ai produttori uno strumento di promozione che possa aiutare nel concreto il mercato lattiero-caseario del Piemonte, territorio in cui il 35% del latte è raccolto ed in buona parte lavorato dalle cooperative agroalimentari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here