Nuove tariffe Siae per la musica d’ambiente nei pubblici esercizi

siae tariffe

Dal primo gennaio del prossimo anno entra in vigore un nuovo tariffario per la diffusione della musica d’ambiente nei pubblici esercizi. In base agli accordi siglati da Siae, Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) e le altre associazioni di categoria, ossia FIEPeT (Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici); Confartigianato Imprese; CNA-Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa, le tariffe saranno determinate sulla base di due soli parametri: la superficie di somministrazione del locale, articolata per fasce di mq, e la tipologia di apparecchio audio e video utilizzato. Considerati i pubblici esercizi italiani, le prime tre fasce di superficie includeranno praticamente la totalità degli esercizi esistenti. I principali plus dei nuovi accordi prevedono il superamento del parametro della categoria del locale, la necessità di conteggiare il numero di altoparlanti presenti e l’eliminazione della maggiorazione del compenso per le TV con schermi superiori a 40 pollici. Sono inoltre previste tariffe flat con abbonamenti a importo fisso.

 

Filippo Sugar, presidente della Società Italiana degli Autori ed Editori, spiega: “In Italia, sono oltre 121 mila gli Filippo Sugar presidente Siaeabbonamenti per la musica d’ambiente del settore; attraverso questi accordi vogliamo agevolare i pubblici esercizi con un sistema tariffario semplificato. Altra grande novità introdotta da questi accordi è la possibilità di attivare e rinnovare l’abbonamento online, attraverso il portale dedicato alla Musica d’Ambiente. Questo servizio è uno dei risultati degli investimenti nell’Agenda Digitale, effettuati per migliorare l’offerta e semplificare il lavoro degli utilizzatori del repertorio tutelato da Siae”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here