OVS apre un flagship a Milano e pensa alla Borsa

Retail

Sviluppato su 900 mq suddivisi su tre piani, il nuovo store OVS nella centralissima via Dante, a Milano, rappresenta un punto di svolta rispetto al passato, come ha sottolineato Stefano Beraldo (in foto), Ad di gruppo Coin a livello di impatto visivo e di offerta. “Ha lavorato con noi l'architetto Vincenzo De Cotiis, conosciuto in occasione di Excelsior, al quale abbiamo dato l'input di realizzare uno store all'insegna della semplicità, nella quale il prodotto fosse l'unico protagonista. Del resto abbiamo lavorato in questi anni per migliorare tutte le caratteristiche delle nostre linee, dal punto di vista della vestibilità, qualità, tessuti e stile”. In quest'ottica, per questo store sono state create capsule collection esclusive per sottolineare la distintività dello store.


Il ruolo della tecnologia

Lo store, le cui soluzioni saranno progressivamente implementate anche nel resto della rete, tanto le nuove aperture quanto quella esistente, si caratterizza per il forte contenuto tecnologico, frutto della recente partnership con Google. Gli esempi più evidenti sono rappresentati dal camerino interattivo, da totem multimediali, dotati anche di pagamento con Bancomat, che permettono di collegarsi con internet, verificare la disponibilità dei capi in questo store o in altri, ritirare i capi ordinati on line. Inoltre, gli addetti sono muniti di iPad e, al piano uomo (quello maggiormente trasformato a livello di ambientazione dallo studio Vincenzo de Cotiis Architects), è stato allestito il corner temporary OVS Digital Experience con tecnologie e prodotti Google Enterprise, che, da metà giugno, girerà per i pdv di tutta Italia. In occasione dell'apertura è stata lanciata anche una App, che permette di navigare più facilmente nello store.

I risultati di Gruppo

Positivi i risultati economici. “Dal secondo semestre dello scorso anno abbiamo invertito la tendenza e abbiamo ricominciato a crescere -precisa Beraldo- Ovs, in particolare, a parità di rete, registra un incremento del 6% nei primi quattro mesi del 2014 rispetto allo stesso periodo del 2013”. Difficile fare previsioni per la fine dell'anno, ma non è da escludere una chiusura (a fine anno) con una crescita di due punti, anche a parità di rete. Del resto, OVS rappresenta i tre quarti di Gruppo Coin, del quale rappresenta il 90% dei risultati economici complessivi e incide per il 70% sul fatturato. “Questi numeri rendono OVS il soggetto giusto che sarà quotato in Borsa entro la seconda metà dell'anno, operazione di cui ci avvaliamo di Lazard come advisor”, prosegue Beraldo.
Attualmente OVS opera con una rete totale di 546 pdv diretti, cui si aggiungeranno, entro fine anno, 80 nuove aperture in Italia e circa 40 all'estero. In crescita il format OVS kids, che ha una quota di mercato del 13%. In aumento anche i corner presso altri department store: al momento sono 35 nei El Corte Inglés, e, per fine anno, diventeranno 42. Altri corner sono in fase di sperimentazione in sudamerica.

Grande opportunità anche per l'e-commerce, considerato un canale da seguire con attenzione, non in concorrenza con la rete fisica, ma come uno strumento in più. L'e-commerce è partito da un anno, sta registrando risultati positivi, il cui fatturato oggi è analogo a quello di un negozio avviato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here