Parmalat, chiesta la revoca del Cda

Produttori

La procura di Parma ha chiesto la revoca del consiglio di amministrazione e la nomina di un amministratore giudiziario. Questo a margine di un procedimento civile riguardante l'acquisto di Lactalis Usa. I dubbi sulla correttezza dell 'operazione nascono dal sospetto che l'esborso di 950 milioni sia servito per tasferire la casa da Parma alla controllante francese, la holding Lactalis. La procura ha chiesto che la revoca avvenga con la contestuale nomina di un amministratore giudiziario il tempo necessario per arrivare all'annullamento o alla dichiarazione di nullità del contratto di acquisto della società Usa.

Commento del presidente dell'Alleanza delle Cooperative "L’indagine aperta dalla procura di Parma sull’acquisizione da parte di Parmalat della società Lactalis Usa è una sorta di ‘operazione verità’ su una decisione che di fatto ha letteralmente svuotato le casse dell’azienda di Collecchio, dopo che questa era stata in precedenza risanata con una legge speciale dello Stato e con un grande sacrificio dei risparmiatori, che hanno lasciato sul campo ingentissime risorse". "Esprimiamo quindi tutto il nostro apprezzamento per l’azione della procura –prosegue Gardini- e speriamo che si faccia finalmente chiarezza su una vicenda che parte da lontano e che abbiamo più volte portato all’attenzione dell’opinione pubblica". "Nel 2011, com’è noto, a seguito di una legge dello Stato che risanò l’azienda dotandola di un tesoretto non irrilevante, la Parmalat è stata venduta alla multinazionale Lactalis con una forte dotazione di cassa, senza nessun tentativo da parte delle istituzioni di supportare una cordata italiana. Si decise in tal modo non solo di vanificare il sacrificio di migliaia di risparmiatori onesti, ma di privare il sistema Paese di un fiore all’occhiello del made in Italy agroalimentare. Per scongiurare l’acquisizione da parte dei francesi, la cooperazione italiana tentò fino all’ultimo attraverso una sua cordata di rilevare la Parmalat, per mantenere l’industria in mani italiane, ma l’operazione non andò in porto".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here