Vini doc igt docg, tra innovazione di consumo e tradizione di qualità

apertura-gdoblu12-mercato-vino

Oltre la crisi, spendendo sul mercato la propria immagine fortemente connotata territorialmente e capitalizzando un cambiamento valoriale (compresi codici comunicativi e messaggi legati al consumo) portato a compimento in questi ultimi anni.
Il vino, uno dei settori più importanti dell’agroalimentare italiano, con una buona spendibilità anche oltreconfine per il quale rimane uno dei migliori biglietti da visita dell’Italia intera (vedi alle pagine 26-30), prosegue nel suo cammino di farsi “traghettatore della memoria” verso la società futura. Ossia, nello spostare le valenze tradizionaliste del savoir faire antico, nei modi e nelle occasioni di consumo contemporanee. Un compito spesso reso palese dalla comunicazione del vino, nella quale proprio questi due elementi di tradizione e propensione al nuovo convivono in equilibrio.
Del resto, un settore estremamente polverizzato, fattore che è forza e debolezza al tempo stesso, con pochi marchi nazionali importanti e una ricerca qualitativa diffusa e capillare, ha spesso avuto con il mondo della comunicazione un rapporto episodico, dettato da obiettivi di breve periodo, piuttosto che da strategie durature.

Intervengono gli esperti Nielsen Roberto Zucchi, Claudia Rossi.

Segue l’analisi di Blogmeter: Vino, sui social media si discute di marchi di qualità

Buyer e importatori in Uk: i pareri di Selfridges, Asda, Tesco e WF

Per saperne di più leggi il pdf-white paper cliccando in alto

Allegati

Vini doc igt docg, tra innovazione di consumo e tradizione di qualità
Mercato | Gdoweek 12 2011 | 4 aprile 2011 |

Informazioni su Ugo Stella

Sono un giornalista cui piacciono i punti di vista originali e un po' fuori dal coro, dove si possa trovare qualcosa di nuovo e stimolante. Attento alla tendenze di consumo, mi considero un foodie sempre alla ricerca di novità in campo alimentare, arrivino dalla produzione o dalla tradizione.

Pubblica i tuoi pensieri