A Oklahoma City, WalMart testa la sua versione di "drive pick up kiosk", cioè punto per il prelievo (o ritiro) della spesa alimentare precedentemente ordinata online e che il/la cliente passa a prendere in auto.
Esattamente come avviene per il pick up point di AmazonFresh a Seattle, il sistema WalMart invia l'ordine del cliente al punto di vendita al dettaglio più vicino: gli addetti di quel punto di vendita confezionano i prodotti in buste pronte per il ritiro. Non appena il cliente raggiungono in auto il chiosco,  digitano un codice a cinque cifre e la macchina troverà, salvo intoppi tipici, appunto, delle macchine, la spesa ordinata dal o dalla cliente.
È un sistema molto simile al distributore automatico: anzi, potremmo definire questi chioschi (pick up point), non importa se tradizionali o Drive up/through, come un'evoluzione techno delle vending machine.
Questo sistema di pickup a libero servizio è gratis, ma l'acquisto minimo per usufruirne è di 30 dollari.
Il nuovo chiosco automatico di WalMart assomiglia, viste le dimensioni ragguardevoli (20x 80 feet, cioè circa 24 metri di base per 6 di altezza) più a un palazzo che a un chiosco (come nota Natt Graun, giornalista del sito The Verge), ma WalMart ne costruirà altri se il primo supererà la fase di test.
WalMart lavora sull'online grocery pickup dal 2014 e ha implementato il servizio in più di 600 punti di vendita. Se questa variante automatica e drive-up andrà bene, partirà il rollout di altri chioschi.
Amazon Fresh serve clienti nelle maggiori città americane, incluse Los Angeles, Seattle, San Francisco, New York, Boston, Chicago, e Philadelphia, mentre WalMart ha almeno una location in ogni Stato della Confederazione. Secondo Natt Graun, Amazon, per competere con WalMart, dovrebbe dunque fare qualcosa di più che offrire il pickup senza ordine minimo o consegnare direttamente gli ordini all'auto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here