Walmart sperimenta le consegne della spesa in guida autonoma

In partnership con Udelv da febbraio sarà attivo in Arizona un van autonomo per il progetto pilota di consegne

Come ogni inizio dell'anno, in occasione del Ces di Las Vegas, la principale fiera hi-tech al mondo, non mancano annunci roboanti in chiave tecnologica su scenari prossimi e futuri anche nel mondo del retail.

È il caso di Walmart che espande la sperimentazione del suo servizio di consegna in guida autonoma della spesa, questa volta in partnership con la startup Udelv. Il servizio partirà a febbraio a Surprise in Arizona ed è pensato per chi fa la spesa online e intende riceverla a un indirizzo desiderato.

Il van messo a disposizione utilizza la piattaforma Baidu, è attrezzato con scomparti in cui inserire la spesa e con il portellone in grado di aprirsi in autonomia.

Le sperimentazioni di Walmart nella consegna autonoma

La catena statunitense è già da tempo attiva sulle sperimentazioni della guida autonoma nell'ultimo miglio, con Ford, Chrysler e Waymo (la società di Google che si occupa di sviluppare auto senza conducente) in Florida, in questo caso l'auto va a casa del cliente, lo porta al punto del ritiro della spesa e lo riporta indietro.

"I clienti adorano questa modalità, rende facile lo shopping e consente di risparmiare un sacco di tempo". Così Tom Ward, senior vice president, digital operations di Walmart, la pensa sull'automazione nella consegna della spesa.

Parliamo comunque di un servizio ancora a livello embrionale e limitato, i mezzi sono predisposti per "guidare in autonomia" ma deve esserci sempre un operatore a bordo, pronto a intervenire in caso di necessità.

Un legame stretto con la mobilità da parte di Walmart che qualche giorno fa ha lanciato un simpatico spot a supporto del servizio di pickup della spesa (in questo caso non autonoma). Riuscite a riconoscere tutte le citazioni cinematografiche delle automobili presenti?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome