La gdo pronta al domani: una bussola per il futuro

L’alimentazione di domani in parte è già presente a scaffale, dove ormai imperversa l’ipersegmentazione. Gli assortimenti cambiano tra nicchie e rotazioni (da Gdoweek n. 12)

Il retail vende sempre più relazioni

Che siano processi ad alta efficienza o esperienze coinvolgenti, il consumatore riconosce il valore del rapporto con il retailer (da Gdoweek n. 15)

Vino: le insegne ci mettono la firma

Le vendite del vino mdd continuano a crescere e i retailer puntano sempre più su questo segmento, anche se con esperienze diverse (da Gdoweek n. 6)

Discount, l’insegna fidelizza più dei prezzi

Oggi un prodotto food/toiletry su 4 è acquistato in un negozio discount. Fatto salvo il must immancabile del prezzo, i discount si distinguono soprattutto per la presenza (quasi ovunque) di reparti assistiti e il peso dell’idm nei loro assortimenti (da Gdoweek n. 7)

Ultimo miglio: come cambia la consegna

Subito, il più presto possibile, quando voglio io ... e a prezzi in funzione delle necessità dei clienti. In campo, soluzioni diverse, che si rafforzeranno in futuro, per un tema che non riguarda solo l’eCommerce ma tutto il retail (da Gdoweek n. 18)

Il negozio che verrà

Spunti e suggestioni di una nuova prossimità, capace di raccontarsi e intrattenere con nuovi strumenti d’interazione (da Gdoweek n. 10)

Si può vivere senza promozioni?

Indispensabili, inefficaci, da ripensare: ecco i dilemmi che “scatenano” le attività promozionali, dal taglio prezzi agli sconti con bollini, passando per coupon, volantini e offerte folli. Stato dell’arte e spunti di riflessione (da Gdoweek n. 3)

Rapporti industria-distribuzione: alla ricerca di nuove strade

Soprattutto negli ultimi anni, complice la crisi le relazioni tra gdo e Idm sono diventate sempre più tese e muscolari. Ma non mancano ambiti di possibile e proficua sinergia: purchè tesi all’innovazione e alla differenziazione. Ecco le risposte di alcuni protagonisti del mercato (da Gdoweek n. 8)

A quale velocità corre la locomotiva bio?

Sempre meno effetto wow, oggi i prodotti biologici e naturali trainano i consumi in vari reparti e puntano a essere mainstream. Con quali prospettive? (da Gdoweek n. 13)

Punti di vendita intelligenti per clienti 4.0

Internet delle Cose, alias IoT, punti di vendita smart ed etichette parlanti, il futuro entra nel punto di vendita (da Gdoweek n. 9)

Centro storico chiama, gdo risponde con format up-to-date

I nuovi supermercati cittadini sono piccoli hub di servizi: non solo spesa, ma spesso ristorazione fast, wi-fi gratuito, tavoli e postazioni con ricariche, home delivery. Il campo è aperto all’integrazione online/offline. Benvenuti nell’era del new convenience (da Gdoweek n. 15)

Il digitale rivoluziona le strategie di business

I rapporti industria-distribuzione rimangono una tradizionale area di scontro, all’interno della quale la tecnologia può puntare al ruolo di facilitatore 8da Gdoweek n. 9)

Nuove esperienze di visual merchandising

Il confronto tra online e offline porta nuova forza al punto di vendita che deve far leva su una relazione conviviale e sorprendente dove l’effetto “wow” è gridato a gran voce (da Gdoweek n. 17)

La visual communication instore è experience

Il concetto di allestimento è cambiato. Il punto di vendita è vivo e comunica emozioni in modo multisensoriale. Il ruolo centrale delle immagini (da Gdoweek n. 5)

Bio: cresce il mercato, arrivano nuove sfide

Le vendite di prodotti biologici in gdo superano quelle negli specializzati. E il bio ha ancora molti spazi di crescita sugli scaffali del mass market (da Gdoweek n. 13)

Grande, piccolo, flessibile: come evolve la dimensione del pdv

Tre tendenze del retail contemporaneo: Downsize, riduzione delle superfici verso la prossimità; Upsize, quando si aprono superfici ancora più ampie del solito; Flexsize, il digital compenetra del tutto il retail fisico (da Gdoweek n. 14)

La gdo vuole essere destination

Un mix di tecnologia, accoglienza, semplicità e velocità. Il tutto condito con una dose sapiente di tecnologia (da Gdoweek n. 15)

Mdd, la crescita passa anche per le nicchie

Prodotti ritenuti di nicchia fino a qualche anno fa, come il biologico, acquistano quote e spazi anche nelle marche del distributore (mdd). Le principali catene retail in Italia investono nelle categorie merceologiche più specialistiche, con sempre più attenzione ad ambiente e società (da Gdoweek n. 1/2019)

Come cambia il layout

Una parola e un concetto da riempire con nuovi significati per tenere conto delle evoluzioni degli stili di vita in termini di velocità, semplicità, freschezza ed esperienza dettate anche da tecnologia e smartphone, sempre più vere e proprie vetrine retail (da Gdoweek n. 10)

Effetto online sul retail fisico: cosa cambia

L’online impone al retail tradizionale di investire in un nuovo ecosistema di vendita, servizi e linguaggi, rivedendo anche il proprio modello di business (da Gdoweek n. 4

L’esperienza nel retail è sempre più phygital

È il legame con l’insegna uno dei capisaldi valoriali che si costruisce con una relazione complessiva e gratificante (da Gdoweek n.2)
dmc

Sei un digital manager? La tua impresa è impegnata nella Digital Transformation?

Gli aggiornamenti sulle ultime innovazioni e trend, per gestire la trasformazione culturale in azienda e identificare nuove opportunità di business

White paper

Sette passi per diventare una Impresa Cognitiva
css.php