Acquisti non food nell’era del Covid: abitudini e trend di crescita

Come sono cambiate le abitudini dei consumatori in conseguenza del Covid 19 ma anche in relazione agli incentivi fiscali? L'Osservatorio Non Food 2020 di GS1 Italy ha tracciato una panoramica sugli acquisti in casa e per la casa, risultata trainante perché vissuta pienamente nel corso dell'emergenza sanitaria.

Per questo motivo sono risultati trainanti settori come il bricolage, con vendite in lieve aumento annuo (+0,4%) e gli elettrodomestici che hanno registrato una crescita delle vendite a valore di +5,1%, favorita dall’esigenza di sostituzione dei vecchi elettrodomestici e dagli incentivi delle ristrutturazioni edilizie. Tra i settori con risultati positivi ci sono anche i mobili (+8,4%) e casalinghi. Nello specifico a sostenere la domanda di mobili sono state la ripresa del mercato immobiliare e le agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie e di riqualificazione energetica. Il segmento del giardinaggio, tempo libero e autoaccessori ha coperto il 52,3% delle vendite totali, mentre quello dell’edilizia e fai da te il restante 47,7%. In linea di massima si tratta di ambiti votati a migliorare la vita domestica.

 

 

In più settori, come nel caso dei mobili, del bricolage e dell'home living i negozi specializzati restano il principale canale distributivo. Tra i canali di vendita, l’online registra la crescita più significativa: +3,3% annuo, ma +78,3% nell’ultimo quinquennio.

La sensibilità per la cura e l’ammodernamento della casa e degli ambienti domestici si è acuita negli ultimi mesi ma è una tendenza che era già in atto da alcuni anni, come emerge chiaramente dall’Osservatorio Non Food 2020 -afferma Marco Cuppini, research and communication director di GS1 Italy-. Un fenomeno conseguente alla crescita dei redditi, alla ripresa del mercato immobiliare, che sostiene la domanda di primo acquisto di mobili ed elettrodomestici, e alla conferma delle agevolazioni fiscali per gli interventi di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione energetica”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome