All’Italia nel 2014 il congresso mondiale sul pomodoro

Servizi

Si è chiusa ieri sera a Pechino la tre giorni di lavoro del decimo Congresso Mondiale del Pomodoro da Industria. Organizzata dal Wptc coinvolge oltre 500 operatori dai cinque continenti e presenta moltissimi interventi, divisi in due sezioni parallele, per analizzare tendenze di mercato, proprietà nutrizionali, tecniche agronomiche e impatto socio-economico di questo importante alimento.

Italia protagonista
L'Italia, custode di know how riconosciuto a livello mondiale, ha visto impegnati nei lavori diversi importanti esponenti del settore, tra cui Costantino Vaia, direttore generale del Consorzio Casalasco del Pomodoro e presidente di Amitom, l'organizzazione internazionale delle industrie e cooperative di trasformazione di pomodoro del bacino Mediterraneo, che ha  così dato l'annuncio dell'assegnazione all'Italia del patrocinio della prossima manifestazione nel giugno 2014:
"Come delegazione italiana siamo soddisfatti di essere riusciti a riportare, dopo 20 anni di
assenza dal nostro Paese, questo importante evento in Italia e
siamo pronti a mostrare il valore aggiunto che il nostro Paese ha sempre dimostrato in
ambito agronomico e dell'industria conserviera mondiale. La manifestazione -continua
Vaia- si svolgerà nel nord Italia, all'interno dell'area del Distretto del Pomodoro,
dove è presente una filiera divenuta un riferimento a livello internazionale".
Del resto riportare in Italia il Congresso Mondiale è stato uno degli obiettivi principali di Amitom fin dall'inizio del mandato della presidenza italiana. A tre anni dall'assegnazione dell'incarico a Costantino Vaia, questo riconoscimento sancisce così il lavoro effettuato per valorizzare la produzione di pomodoro da industria nel distretto del nord Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome