Aspiag nuovo socio di Esd Italia

La notizia è ora ufficiale. Ed è quasi una bomba, perché modifica gli assetti e le posizioni al vertice della classifica dei primi retialer italiani. Aspiag, uno dei gruppi distributivi più forti nel Triveneto, e socio numero uno (per giro d'affari) di Despar, fa ingresso in Esd Italia, portando in dote i suoi quasi 2 miliardi di euro di fatturato (per la precisione: 1,864 miliardi nel 2013) e 546 punti di vendita, soprattutto supermercati (235) e punti di vendita sotto i 400 mq (289 unità). Aspiag Service srl (per citare la ragione sociale estesa),  sede a Mestrino (Pd), sociaetà presieduta da Rudolf Staudinger, e guidata da Harald Antley (foto) e Paul Klotz, è fra i primi venti  gruppi italiani nel campo distributivo, se consideriamo la soglia minima del miliardo di euro di giro d'affari.

Esd Italia secondo gruppo italiano dietro a Coop

L’Assemblea dei soci di Esd Italia ha deliberato un aumento di capitale sociale finalizzato all’allargamento della compagine sociale ad Aspiag Service Srl con decorrenza dal 1° gennaio 2015.
Il comunicato aggiunge: "Esd Italia svilupperà già nel 2014 un volume di acquisti convenzionati pari a 5 miliardi di euro e nel panorama distributivo italiano rappresenta (per giro d'affari al dettaglio, ndr) la seconda forza dopo Coop Italia". Abbiamo citato fra virgolette, perché i tempi (velocissimi) di scrittura non ci consentono al momento di verificare se, in termini di acquisti, la nuova Esd-arricchita-Aspiag superi davvero Conad+Finiper (crediamo di no).

Rafforzamento in Area 2 Nielsen

L’ingresso di Aspiag consolida la posizione di mercato di Selex, soprattutto in Area 2 dove il gruppo presieduto da Dario Brendolan associa fra i gruppi più forti della distribuzione nel nord Italia: Alì (Pd), Gruppo Unicomm Dueville (Vi), Gruppo Unicomm-Guariner (Bl), Maxi di Belfiore (Vr).

"Con le decisioni assunte nel corso dell'Assemblea, Esd Italia prosegue nella propria strategia di rafforzamento, con l’obiettivo principale di rafforzarsi come punto di riferimento e polo di aggregazione delle medie aziende d’eccellenza operanti nel nostro Paese - commenta Marcello Poli, Presidente di Esd Italia -. Il nostro è un modello ormai pressoché unico, un modello di Centrale democratica, dove ognuno dei Soci ha pari dignità e mette a fattor comune idee evolutive ed iniziative di sviluppo nella relazione con l’industria".

"Non solo aggregazione"

"Chiusa l’esperienza pluriennale e positiva in Centrale Italiana, che cesserà la propria attività alla fine dell’anno, riteniamo di aver trovato in Esd Italia il contesto commerciale e strategico ideale per il futuro della nostra azienda -spiega Harald Antley, amministratore delegato di Aspiag Service -. Esd è infatti una centrale in cui convergono imprese eccellenti, in grado non soltanto di generare un'efficace sinergia sul mercato, ma anche di esprimere competenza e capacità di innovazione su ampia scala. Apprezziamo inoltre il fatto che Esd non sia una semplice aggregazione, ma un contesto democratico, come giustamente sottolinea Marcello Poli, che favorisce il confronto e lo scambio di know-how tra i partner. Scelta premiante, vista la crescita che la Centrale ha vissuto dalla sua nascita ad oggi, non soltanto in termini di quota di mercato ma anche di qualità".

Esd Italia aderisce a livello internazionale aderisce alla più grande centrale europea (Emd Ag) prevede un incremento di  fatturato del 15% nel 2015, nonostante il contesto sfavorevole e grazie al contributo di Aspiag, ma anche della crescita dei soci storici: Selex Gruppo Commerciale, Acqua e Sapone, Agorà Network e Sun. Questi dimostrano coraggio e capacità di continuare a sviluppare le proprie reti, ma anche di attrarre ed associare imprese di qualità, come nel caso dell’ingresso de Il Gigante in Selex.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome