Conad: progetti per essere leader

Distintività,  territorio,  comunità, leadership: sono queste alcune delle parole chiave che hanno contraddistinto finora l’attività di Conad e che sono destinate ad assumere un’ulteriore importanza nel prossimo futuro.

Leadership
“Questo è il nostro obiettivo, dichiarato da tempo: nel canale supermercati lo siamo già e, per fine anno,  intendiamo  ulteriormente  aumentare  le  nostre  quote”,  dichiara Francesco Pugliese, Ad e direttore generale. Secondo le quote Nielsen, Conad è la seconda insegna a livello di mercato (11,9%), dietro Coop (14,5%), in prima posizione nel canale super (20,1%) come nella prossimità (13,9%).

Distintività
È la sfida del futuro. “Essere distintivi significa proporci su diversi canali, oltre che con tutti i pre-requisiti di base interpretati al meglio (assortimento, prezzo, qualità, freschezza), anche reinventando un’esperienza di store differenziante e attrattiva, in grado di valorizzare un posizionamento riconoscibile e differente rispetto ai competitor -spiega Alberto Moretti, direttore marketing canali distributivi-. Non abbiamo bisogno di inventare cose nuove ogni giorno, ma sviluppare in maniera efficiente quello che abbiamo capitalizzato fino ad oggi. Per questo, un esempio che vogliamo consolidare è quello individuato e realizzato per Sapori&Dintorni, dove attraverso i diversi diversi touchpoint abbiamo creato valore di marca e un importante sistema di relazioni con i nostri clienti come pl di fascia premium con 247 referenze, insegna indipendente, con 13 store, e corner in Italia, che, a settembre, sbarcano nella rete di Coop Suisse,il nostro partner in Alidis (alleanza con Colryut, Edeka, Eroski e Groupement des Mosquetaires). E non sono da escludere ulteriori sviluppi”. Appartiene alla logica della distintività e della specializzazione anche Petstore Conad, l’insegna lanciata a maggio per animali domestici. “Per noi è un’occasione per presidiare con format e assortimenti dedicati target specifici di bisogni e clienti, in sinergia con l’attività dei nostri soci -chiarisce Moretti-. Per fine settembre avremo 15 negozi, sviluppati sulla base di un importante programma che prevede che il Consorzio offre ai soci un pacchetto chiavi in mano (come display, assortimento, posizionamento prezzi, piano promozionale e fidelizzazione), per competere con gli specialisti ad armi pari”.

L'intero articolo su Gdoweek n. 13

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here