Conad Sicilia rileva 8 store ex Sigma per un milione di euro

Conad Sicilia

Conad Sicilia ha rilevato otto punti di vendita a ex insegna Sigma, con la promessa, scritta nero su bianco nell’accordo siglato con i sindacati, di riassumere i 56 lavoratori entro il primo giugno. Si conclude quindi la lunga vertenza nata dopo la dura crisi che ha colpito la società Csso, Centro supermercati Sicilia occidentale. I lavoratori di Csso erano transitati inizialmente presso i supermercati a insegna Sottocasa del gruppo Marta Srl ma anche in questo caso erano sopraggiunti problemi di liquidità e il personale era ritornato in capo a Csso. Lo scorso dicembre il curatore fallimentare, Baldassare Quartararo, ha pubblicato un bando per vendere i dieci supermercati di Palermo al prezzo di poco più di un milione di euro. Gli store sono situati a Palermo in via Roccazzo, via Villagrazia, via Emilia, via Sunseri, via Leonardo Da Vinci, corso Calatafimi, a Ficarazzi in via Marco Polo e a Villabate in via della Rinascita. I locali di altri due negozi, in via Serradifalco e via Rapisardi, invece sono stati affittati nel frattempo ad altri soggetti e sono rimasti fuori dall’operazione che comunque Conad ha voluto portare avanti.

Natale Lia, direttore generale Conad Sicilia, commenta così  l’accordo: "La chiusura di un'attività commerciale rappresenta un momento drammatico non solo per l'economia di una città ma anche per i posti di lavoro che si perdono. Con l'acquisizione di questi otto supermercati, grazie all'accordo firmato con i sindacati siamo felici di dare il nostro contributo alla ripresa ma anche alla serenità di numerose famiglie che potranno contare di nuovo su un lavoro e su uno stipendio".

Soddisfatta la Uiltucs Sicilia, che per voce di Marianna Flauto, Ida Saja e Valentina Minnuto, spiega che “tutti i lavoratori impiegati presso i punti di vendita oggetto della cessione saranno assunti tutti da Conad Sicilia a tempo indeterminato e senza periodo di prova. È stata inoltre prevista una prelazione in capo agli altri lavoratori  rimasti in capo a Csso nel caso in cui all'interno dei 56 lavoratori ci fosse qualcuno non  più disponibile all'assunzione. Mentre per i lavoratori che verranno assunti con contratto di apprendistato – proseguono le sindacaliste della Uiltucs - è stata concordata la conferma a tempo indeterminato alla scadenza dell'apprendistato. Speriamo adesso che i  lavoratori, che provengono da ben due società fallite, possano  al più presto riprendere la loro attività lavorativa con la serenità che meritano”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome