Coop Alleanza 3.0 incontra tremila fornitori

Paolo Cattabiani Adriano Turrini Massimo Ferrari

Per il 2016 Coop Alleanza 3.0  –la più grande cooperativa di consumatori del Paese, nata il 1° gennaio 2016 dalla fusione tra Coop Adriatica, Coop Consumatori Nordest e Coop Estense– prevede tre incontri con più di 1.000 produttori nazionali e locali per creare “valore insieme”: più concretamente, rinsaldare o rinnovare il rapporto con i propri fornitori, mettendo al centro i principi della cooperazione di consumatori: valorizzazione delle eccellenze italiane e delle tipicità locali, attenzione all’etica e alla legalità, ricerca dell’innovazione e dell’efficienza, impegno per una collaborazione all’insegna di fiducia e responsabilità.

Coop Alleanza 3.0 ha 2,7 milioni di soci e oltre 400 punti di vendita in 12 regioni: dal Nord-est (Friuli-Venezia Giulia, Veneto) all'area lombardo-emiliano-romagnola (Lombardia, Emilia-Romagna), scendendo per la dorsale adriatica (Marche, Abruzzo, Puglia, Basilicata), ma senza escludere la presenza, tramite società, in Trentino, Lazio, Campania e Sicilia.

Al primo dei tre appuntamenti “Valore insieme”, questa mattina a Bologna, oltre 500 produttori nazionali hanno incontrato Adriano Turrini, presidente e amministratore delegato ai servizi centrali e alle politiche sociali di Coop Alleanza 3.0, insieme a Massimo Ferrari (amministratore delegato alla Gestione) e Giorgio Gabrielli, direttore acquisti. All’evento ha portato i suoi saluti anche Marco Pedroni, presidente di Coop Italia.

Paolo Cattabiani Adriano Turrini Massimo Ferrari
da sinistra, Paolo Cattabiani (ad con deleghe a sviluppo e finanza), Adriano Turrini e Massimo Ferrari

“Diventare più grandi – ha detto Turrini – ci impone anche di diventare più bravi, efficienti e trasparenti. Una sfida che vogliamo condividere con i nostri fornitori e che si traduce nell’impegno concreto di coniugare, in ogni nostra azione, convenienza, sicurezza e legalità, per essere sempre più vicini ai nostri soci e a tutti i consumatori”.

Di innovazione e ampliamento dell’offerta ha parlato invece Ferrari: “Potremo cogliere ulteriori opportunità nel mercato ed estendere l’offerta di prodotti e servizi. Penso al settore non alimentare, con le proposte per le aree benessere, ristorazione, oro e ottica, all’integrazione tra rete fisica e rete virtuale, al franchising. E al rafforzamento della nostra presenza al Sud”.

Più che fornitori, partner

Giorgio Gabrielli, infine, ha parlato della valorizzazione di prodotti e produttori: “Ai nostri fornitori chiediamo di diventare partner attivi del nostro progetto, in un’ottica win-win. Coop Alleanza 3.0 vanta oltre 3.000 fornitori in 8 settori: dalla carne ai generi vari, dal pesce all’ortofrutta, per più di 3 miliardi di euro di acquisti all’anno. Per sposare al meglio la dimensione nazionale della cooperativa con i presidi locali, lavoreremo coi produttori su 6 macro aree. Tra gli interventi, anche nuovi layout e display per i prodotti nei punti di vendita e iniziative per dare visibilità alle filiere territoriali e all’agroalimentare italiano”.

 

1 COMMENTO

  1. vorrei sapere con che criteri si scelgono i fornitori da incontrare.
    Mi farebbe piacere uno scambio di opinioni con il Dott.Giorgio Gabrielli.
    Piero Pancotti
    cose buone italiane biscotti fazzi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here