Gruppo Selex prevede di chiudere il 2020 con un fatturato al consumo pari a 12,3 miliardi di euro, +10,3% sul 2019. Buon risultato anche sul versante produttività (vendite al mq)  che registra un +7%, in forte aumento rispetto al mercato e al 2019. Cifre comunque notevoli, tenuto conto di mesi nei quali le abitudini di vita e di consumo di una larga parte della popolazione sono cambiate.
"Abbiamo vissuto mesi difficili, nei quali agire tempestivamente è stato fondamentale –commenta Alessandro Revello, Presidente di Selex–. Ogni scelta fatta ha tenuto in considerazione le esigenze e la tutela dei clienti e dei collaboratori, in prima linea sempre, e la crescita che oggi riscontriamo è merito della professionalità di tutte le squadre di lavoro nonché dei nostri fornitori. Abbiamo davanti nuove sfide, gli importanti investimenti pianificati sosterranno lo sviluppo delle insegne regionali e nazionali del Gruppo, dandoci l’opportunità di creare nuovi posti di lavoro".

Cds, nuovo socio dal gennaio 2021

Nel 2020 Selex ha dato il benvenuto a un nuovo socio, Gruppo Cds, una delle imprese retail più importanti della Sicilia, azienda familiare, che opera attraverso 3 insegne regionali con oltre 150 punti vendita in 7 province, e che dal 1° gennaio 2021 entrerà nella compagine sociale di Selex Commerciale.

 

 

Tornando al quadro generale, il piano investimenti 2021, per 300 milioni di euro, interesserà 64 nuove aperture e 112 ristrutturazioni (+40% sul 2020).
Gruppo Selex supererà a gennaio 2021 l'asticella dei 2.500 punti di vendita in tutto il Paese, con una quota di mercato superiore al 10% (Iper+super+superettes+discount+canale drug).

Boom dell'eCommerce

Il programma di sviluppo è incentrato sul rinnovamento della rete, con focus su supermercati e superstore, ma anche sull’implementazione dell’area digitale. L’eCommerce cosicomodo.it ad oggi registra +270%. Un servizio, attivo in 13 regioni, diventato essenziale nel corso dell’emergenza sanitaria e che in brevissimo tempo è stato ricalibrato in funzione di una richiesta straordinariamente superiore a quella ordinaria ed una disponibilità significativa di risorse destinate alla preparazione della spesa.

Maniele Tasca, direttore generale Selex
Maniele Tasca, direttore generale Selex

"Le imprese Selex stanno facendo un grande lavoro -commenta Maniele Tasca, direttore Generale Selex- ma ci aspettiamo un 2021 complicato dalla crisi economica e ci stiamo preparando. Le nostre priorità sono la difesa del potere d’acquisto dei consumatori, quindi competitività e marche del distributore, gli investimenti sulla rete dei negozi e la copertura dei servizi eCommerce sul territorio. Nel 2021 lo sforzo sarà quello di mantenere e migliorare i servizi e sviluppare ulteriormente l’offerta delle marche del distributore (Selex, Vale, Il Gigante). Si insisterà sulla qualità degli ingredienti, sempre più solo italiani e da filiera tracciata e trasparente, e su operazioni promozionali dedicate alle famiglie. Senza distogliere l’attenzione dall’ambiente: il rinnovamento del packaging, preferendo materiali riciclabili e riciclati e riducendo l’overpack contribuisce a facilitare lo smaltimento".

Target 2022

L’obiettivo di crescita nel prossimo anno è ambizioso: +4,1%, ovvero 12,8 miliardi di euro di fatturato.
"Con il recente ingresso di Cds nel Gruppo siamo arrivati a presidiare anche la regione Sicilia con il marchio Famila, che ha una grande immagine di qualità e convenienza -aggiunge Tasca-. L’insegna, con 240 punti di vendita in Italia, raggiungerà un fatturato di circa 2.200 milioni di euro entro fine 2020. Come per le altre insegne del Gruppo gli investimenti per rinnovare i punti di vendita saranno molto importanti anche nel 2021".

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome