Illuminazione smart e sostenibile nel magazzino di Unicoop Tirreno

La ristrutturazione del magazzino di Unicoop Tirreno di Vignale ha visto l’adozione del sistema Greenwarehouse di Signify, una soluzione di luce connessa e intelligente (da Gdoweek n. 2)

Tutto il mondo Coop sta attraversando una fase di trasformazione in ottica di sostenibilità e basso impatto ambientale, che non si traduce solo nello spot programmatico “una buona spesa può cambiare il mondo”, ma tocca tutti gli ambiti in cui si muovono le cooperative. È anche il caso di Unicoop Tirreno che ha recentemente ristrutturato il magazzino generi vari di Vignale a Piombino (Li), teatro tra il 2018 e il 2019 di un importante processo di centralizzazione della gestione assortimenti.

Unicoop Tirreno
Piero Canova, direttore generale Unicoop Tirreno

Come ci ha detto il direttore generale Unicoop Tirreno Pietro Canova, questo processo “ha visto convogliare sulla piattaforma (in modalità transito) le consegne di oltre 100 fornitori precedentemente gestite in consegna diretta ai punti di vendita. Il risultato di questa manovra ha permesso un significativo aumento del livello di servizio: con la percentuale di inevasi su prodotti ad altissima deperibilità inferiore al 3%, modalità di ordine dei negozi semplificate, gestione a punto di vendita ottimizzata con la consegna unica da magazzino ai negozi a fronte di un sostanziale pareggio dei costi di gestione”.

 

 

Il nuovo impianto di illuminazione efficiente e connesso

Una parte dell’efficienza energetica e dei relativi risparmi nel magazzino di Vignale è anche stata raggiunta grazie al nuovo impianto di illuminazione, che utilizza il sistema Greenwarehouse di Signify (ex Philips Lighting), specifico per il mondo industriale, che si adatta alle esigenze di un magazzino logistico.

La soluzione Greenwarehouse di Signify

Sviluppato per il mondo industriale, impianti di produzione o magazzini, è un sistema di luce connessa di Signify che punta al risparmio energetico, sicurezza per chi lavora e facilità di installazione, utile quindi in progetti di ristrutturazioni o retrofit senza modificare l’impianto elettrico esistente. Utilizza la tecnologia a led e la connettività basata sul protocollo di comunicazione wireless ZigBee 3.0. Ciascun punto luce ha integrato sensori di presenza, dimmerazione e un’antenna wireless. I sensori comunicano tra di loro e possono modificare l’intensità luminosa dell’impianto in automatico a seconda delle impostazioni preimpostate tramite un telecomando a raggi infrarossi.

L’impianto elettrico non è stato modificato e le attività di installazione sono state eseguite in circa 40 giorni, senza impatti sull’attività del magazzino. Nel corso dell’intervento, progettato e realizzato da 9REN, sono state sostituite 874 lampade a fluorescenza con 500 lampade a led. Il nuovo impianto ha una potenza di circa 50 kW rispetto ai 130 kW dell’impianto a fluorescenza, generando un risparmio di circa 80kW. L’operazione è stata possibile anche grazie all’intervento di Alperia Bartucci, una delle Energy Service Company (Esco) con la maggiore esperienze in Italia per la realizzazione di interventi di efficienza energetica industriale.

Ma quale ritorno economico ci si aspetta dall’operazione? “Nel nostro caso, -continua Canova- abbiamo deciso per un contratto di 7 anni per il noleggio delle attrezzature, al termine del quale la cooperativa diventerà proprietaria delle attrezzature installate.

L’investimento iniziale è stato di Alperia Bartucci, che si è resa disponibile a finanziare l’operazione che si paga con la significativa riduzione dei consumi derivante sia dalla qualità delle attrezzature scelte sia dal minore utilizzo dell’illuminazione con il sistema IoT (Greenwarehouse di Signify). I risparmi stimati in fase progettuale possono arrivare oltre il 60% dei kWh utilizzati prima della messa in opera di questo progetto. Di questi risparmi una quota andrà a copertura e remunerazione dell’investimento di Alperia Bartucci, una quota andrà a beneficio del conto economico di Unicoop Tirreno”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome