La nostra filosofia? Essere eccellenti

Più di 300 punti di vendita, di proprietà e affiliati, tutti a insegna Crai nelle sue declinazioni (Cuor di Crai, Crai Supermercato e Crai Extra), una quota di mercato superiore al 9% (fonte: Nielsen febbraio 2019), due poli logistici per la gestione dei secchi, un centro distributivo per freschi, ortofrutta e freddo: con questi numeri, New Fdm spa si conferma tra i protagonisti della gdo siciliana. Danilo Radenza, presidente del Cda e vicepresidente di Crai Secom, racconta l’evoluzione dell’azienda nell’isola e i possibili sviluppi.

Come stanno cambiando gli equilibri del retail in Sicilia?

Il mondo della gdo sta subendo importanti trasformazioni e, in particolare, nella nostra isola si sta assistendo ad una vera e propria rivoluzione degli equilibri. Sono tanti i player che, per svariati motivi, hanno lasciato o stanno per lasciare significativi spazi nel settore, generando nuove opportunità che, per quanto ci riguarda, cercheremo di cogliere. Se opportunamente valorizzate, infatti, ci permetteranno, di consolidare una posizione sempre più importante ... ovviamente, anche attraendo nuovi soci.

Quali sono oggi i vostri piani di sviluppo?

Tanti i progetti in cantiere sui quali stiamo lavorando e che realizzeremo a breve. Attualmente stiamo intensificando gli sforzi sul format Crai Extra: prevediamo di aprire 3 nuovi punti di vendita di proprietà nel secondo semestre 2019. Le recenti aperture del format a Ragusa ed Augusta (Sr) ci dicono che si possono ottenere risultati molto soddisfacenti ottimizzando i servizi offerti e proponendo un’offerta commerciale equilibrata in termini di convenienza e di qualità. Oltre che sullo sviluppo diretto, siamo fortemente connessi con tutti i nostri partner sul territorio, con l’obiettivo di garantire il massimo supporto a tutti gli imprenditori che, con i loro supermercati, partecipano al grande progetto Crai in Sicilia. Un impegno che, attraverso la riprogettazione di spazi, ambienti, assortimenti e la formazione degli operatori, si traduce in un investimento di 8 mln di euro, da realizzare nella rete Crai esistente nei prossimi 12 mesi per rafforzare la nostra immagine.

Chi sono oggi i vostri principali competitor?

Identificarli oggi è più semplice che in passato, poiché stiamo vivendo una forte concentrazione di insegne. Per nostra policy, osserviamo e cerchiamo di analizzare tutte le scelte strategiche dei maggiori operatori della gdo, ma continuiamo ad essere concentrati sui nostri obiettivi e sulla necessità di non perdere il contatto con il nostro mercato di riferimento. Riteniamo infatti che la sfida si giochi su alcuni elementi strategici quali la fidelizzazione della clientela, il corretto posizionamento di prezzo e un’immagine di convenienza e di qualità in tutti i comparti. In poche parole: massimo rispetto e stima per tutti i concorrenti, ma ferma convinzione di procedere nel nostro percorso di crescita basandoci sui fattori di sviluppo strategici. Ciò detto, stiamo valutando con grande attenzione anche il percorso di crescita di alcune insegne discount, quali Eurospin e Lidl, che stanno avvicinandosi all’offerta commerciale tipica dei supermercati.

eCommerce: minaccia o un’opportunità?

Si parla di rivoluzione digitale, ma il punto di vendita fisico resta centrale nella relazione con il cliente, anche se deve allargare il proprio confine e costruire una propria identità digitale. L’eCommerce ha già conquistato diversi settori e il super dovrà evolversi verso questo nuovo canale: non possiamo in alcun modo fare il grossolano errore di trascurare o addirittura, sottovalutare tale fenomeno. Per questo anche nei nostri negozi offriremo presto la possibilità di effettuare la spesa online con Crai Spesa Online attraverso il servizio Click&Collect e/o con la consegna a domicilio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome