L’evoluzione della moda su Amazon, dove trionfa il “no brand”

Poco costosi e "no brand", ovvero generici. Questi i capi di abbigliamento più popolari su Amazon Fashion, secondo il report di Coresight Research pubblicato a inizio 2020 in collaborazione di DataWeave e riportato da Business Insider. La ricerca ha dimostrato che il numero di questi articoli senza marchio è cresciuto del 906% tra settembre 2018 e 2019, superando i 65mila prodotti e mettendo in ombra grandi nomi quali Calvin Klein.

Il colosso, che in Usa risulta già top retailer in ambito moda, continua in generale a crescere ed investire nel settore sotto diversi aspetti, dove è leader in particolare grazie alle linee economiche "basic". Più difficile invece per Amazon guadagnare quota nella fascia del fashion intermedia, dove non a caso sta cercando di spingere all'acquisto con nuovi servizi come il "try-before-you-buy" con reso gratuito.

Non solo. Di recente si vocifera (fonte: Wwd) del lancio, da parte del colosso, di una piattaforma ad hoc per il lusso, unico ambito d'abbigliamento poco, per non dire affatto presidiato in termini di offerta.

Nel frattempo, l'assortimento maschile durante l'ultimo anno ha superato per la prima volta quello femminile. Sempre più centrale anche comparti "da sempre core" come l'activewear e lo sportwear, con Nike, Adidas e Under Armour al traino.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome