A Milano le consegne della spesa si fanno a zero emissioni

Disegnare una smart city passa anche dai servizi di logistica come quello organizzato con mezzi elettrici da For-Services

La logistica sta assumendo un ruolo cruciale sia in ambito retail, chiamata sempre più spesso in causa dall'omnicanalità delle insegne e dalla crescita dell'eCommerce, ma anche come struttura portante nel disegnare le politiche alla base delle smart city.

È il caso di Milano, città nella quale le consegne della spesa dagli store della gdo presenti nell'area sud ovest, tra Porta Romana e Vettabbia, si fanno a zero emissioni grazie al servizio di logistica green messo a punto da For-Services.

For-Services si è aggiudicato il bando indetto dal Consorzio Poliedra - Politecnico di Milano per il modello di servizio: Mass market retailers distribution, consegna di spesa da operatori della grande distribuzione organizzata ai loro clienti.

Il tutto si colloca nell'ambito del progetto europeo Horizon2020 Sharing Cities, di cui il Comune di Milano è partner assieme alle città di Londra (capofila), Lisbona, Bordeaux, Varsavia e la città bulgara di Burgas. "Diamo avvio -ha commentato Cristina Tajani, assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive con delega alla smart city- a una piccola rivoluzione della logistica che, se estesa a tutta la città, può portare a un concreto miglioramento della qualità ambientale e della vita dei cittadini".

Come funziona il servizio di logistica green di For-Services

Il servizio di logistica green di For-Services si basa su 11 mezzi elettrici: 9 furgoni Nissan e-Nv200 e su 2 bici cargo a pedalata assistita, sui quali gli addetti della società effettuano le consegne nell'ultimo miglio direttamente a casa dei clienti, con particolare attenzione alle esigenze delle persone anziane o quelle con disabilità.

“Nei due anni di progetto -ha detto Claudio Vairo, operation manager di For-Services- contiamo di raggiungere 2.000 clienti consegnando più di 50mila spese all’anno. Così facendo possiamo abbattere in maniera significativa le emissioni di CO2".

Nei posteggi dei supermercati sono state installate colonnine, sia veloci sia lente, che consentono di ricaricare i mezzi elettrici, tipicamente a metà giornata, quando il driver è in pausa e al termine del servizio durante la notte. L’alimentazione elettrica consente un’autonomia totale del parco mezzi di circa 70 ore di viaggio e un risparmio di circa 22 tonnellate di emissioni di CO2 nell’atmosfera.

Il tutto viene gestito dal backoffice già attivo nella città di Milano e che coordina le attività a disposizione dei punti di vendita della gdo. For-Services nel capoluogo lombardo collabora con Carrefour Market, Express, Iper, Conad, Unes, Il Viaggiator Goloso e Pam Local.

Ma non ci si limita alle consegne e alla riduzione di emissioni, uno dei pilastri su cui si basa il progetto sharing cities è infatti la raccolta dei dati nella smart city. For-Services infatti fornirà i dati in tempo reale al Comune di Milano, grazie all'integrazione dei propri sistemi informativi con la piattaforma di interoperabilità messa a punto. 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome