Nuovo format con accento napoletano

Annata particolarmente dinamica per Rossopomodoro, la storica catena di pizzerie di gruppo Sebeto (nata nel 1998, di cui fanno parte anche altre insegne tra cui Holy Ham Burger) che ha inaugurato nel 2019 diversi nuovi locali. Fra questi spicca una delle sue più grandi pizzerie, aperta nella food court di Settimo Cielo a Settimo Torinese, il primo Rossopomodoro con cucina e forno della pizza napoletana totalmente dedicati al gluten free, in collaborazione con Dr. Schär, nota per la produzione di alimenti privi di glutine adatti a persone celiache: dunque, un ristorante nel ristorante, con due spazi separati, e con chef e pizzaiuoli che utilizzano utensili e attrezzature dedicate.

Con Settimo Cielo salgono a 10 i Rossopomodoro 2.0 “Come un giorno a Napoli” aperti negli ultimi dieci mesi. Il claim (la promessa) vuole sottolineare la radice partenopea del format, il desiderio di Rossopomodoro di raccontare Napoli, la sua pizza, la sua cucina. Un claim che sta dettando la linea per le nuove aperture così come per i restyling degli storici Rossopomodoro, spesso molto diversi l’uno dall’altro, proprio per la spiccata componente franchising dello sviluppo di gruppo Sebeto.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Se sei abbonato, fai per visualizzare il contenuto, altrimenti abbonati

Sei abbonato a Gdoweek ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrandoti qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento, entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome