Più click con #fakenews? No, grazie!

Un tema scottante quello delle notizie false che corrono in rete. È vero che il nuovo mantra: “L’ho letto su FB”, che ha sostituito l’altrettanto pericoloso “l’ha detto la TV”, non promette nulla di buono. Ancora meno  per il settore dell’agroalimentare  e conseguentemente per il mondo del retail, gdo o eCommerce che sia. Le fakenews corrono veloci, sono “bombe” e proprio per questo piacciono, emozionano, spaventano, giustificano rabbia e delusione, e più è grosso il pesce che viene attaccato , e più piacere si prova. Che cosa si può fare per “vincere” le fakenews? Per le aziende massima trasparenza, non nascondere nulla, se c’è un errore (può succedere) prepararsi, scusarsi, agire ... Per noi che dell’informazione abbiamo fatto una professione: resistere, resistere, resistere ... alla tentazione di facili click, alla gara sul tempo che non ti fa verificare la notizia. Non possiamo trasformare in merci paure ed emozioni,  sta a noi che non siamo blogger, twitstar e neppure youtuber, quello di  offrire un controcanto professionale e verificato, questo è il nostro mestiere.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAuchan ridisegna il reparto ortofrutta
Articolo successivoGdoweek n. 8 in distribuzione
Amo il cambiamento e lo vivo con passione, mi occupo di marketing e retail da quindici anni, ho diretto on e off Gdoweek e da qualche tempo anche Mark UP, prima ho seguito con altrettanta passione cinema e lifestyle, ho scritto di moda e di ristoranti, ho lavorato per la televisione e per la radio, ho vissuto almeno tre vite e nessuna mi ha annoiata.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome