Save The Duck sceglie Milano per il suo primo monomarca

save the duck Milano

In via Solferino, a Milano, Save The Duck, il marchio di piumini 100% animal free, apre il suo primo monomarca. L’operazione era stata annunciata a inizio marzo, al momento dell’ingresso di Progressio Sgr come azionista di maggioranza nella società. Secondo quanto spiega l’amministratore delegato del marchio, Nicolas Bargi, si tratta di un primo passo. “Il piano di aperture al 2020 è ambizioso e toccherà le principali destinazioni fashion del mondo” sottolinea l’Ad. E si affiancherà al network selezionato di negozi wholesale Save The Duck presenti in 29 Paesi, in particolare in Europa, con in testa Germania, l’area Benelux e tutta la Scandinavia, e in Nord America. E, stando a quanto sostiene Angelo Piero La Runa, senior partner di Progressio Sgr, “L’azienda sta già lavorando per aprire a breve anche due pop-up store in location strategiche per Save The Duck, entrambi in Europa. Ma la maggiore parte degli investimenti sul fronte retail verrà messa sul piatto nel biennio 2019-2020”.

 

In termini di risorse economiche stanziate, l’azienda investe 5 milioni di euro destinati al retail fino al 2020, anno in cui i monomarca, in base alle previsioni, “arriveranno a fruttare – spiega Bargi - il 5% sul totale fatturato con un obiettivo a 5 anni pari al 10%. Lo stesso target è stato fissato anche per l’eCommerce”. Proprio in visione del potenziamento del settore del commercio elettronico è stato potenziato il management del gruppo con l’ingresso di Angelo Lorusso in qualità di digital marketing & eCommerce manager. Lorusso proviene da Yoox Net-A-Porter.

Il monomarca milanese è stato coordinato per la progettazione dall’architetto Caterina Frazzoni di DCMlab specializzata in design e construction management. “Per l’individuazione del concept abbiamo realizzato un concorso chiamando a raccolta 10 dei migliori studi emergenti d’architettura in Europa” racconta Frazzoni citando i tre finalisti ossia Aoumm di Milano, Sam architects di Zurigo e Marcel Mauer con sedi a Londra e Parigi. A vincere sono stati proprio gli architetti di Marcel Mauer: Antonio Pisanò e Lorenzo Baldini, entrambi con un forte imprinting lato sostenibilità. Al duo d’architetti è stato assegnato un premio in denaro e un contratto biennale per la progettazione e la realizzazione degli spazi retail worldwide di Save The Duck. Scelta della location, sviluppo del concept, l’ingegnerizzazione e l’allestimento finale sono stati gli step successivi messi a segno pre-apertura.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome