Starbucks Reserve, un salto nella ristorazione lounge&learn

A Seattle, il quartier generale di Starbucks, la catena di caffetteria più famosa del mondo presenta un nuovo modo di vivere la ristorazione, più esperienziale e scenografico. Lo conferma a chiare lettere Christian Davies, vice presidente global e design e innovazione di Starbucks: "Vogliamo che i visitatori si sentano al centro di un'esperienza viva sin dal momento in cui oltrepassano la soglia del caffè e attraversano la porta d'ingresso intagliata a mano". La cura dei dettagli, dalle finiture alla pavimentazione, dalle luci agli allestimenti, è uno degli aspetti chiave del nuovo concept Reserve. Il colore dominante, e di riflesso l'atmosfera visiva, riporta i timbri caldi e scuri del caffè. Onde la prevalenza del legno come materiale principe per l'allestimento di questo punto di vendita.

Il locale è visibile nella sua interezza, già dal maestoso ingresso, e un grande caminetto che arriva al soffitto trasmette l'idea di un luogo caldo e accogliente.
Ci sono tre sale incontro, e nella terza in particolare, i visitatori possono imparare la storia del caffè "from bean to cup" dal chicco alla tazzina. Lo spazio ospita, fra l'altro, una raccolta di libri sulla geografia, la flora e la fauna delle regioni dove viene coltivato il caffè acquistato da Starbucks, ed espone una Sirena dipinta da Jordan Kay.
La coffèe library è formata da 1.200 bustine e può essere occultata grazie a una parete girabile.
Seattle è il primo esempio del concept Reserve, studiato e concepito come una piazza (marketplace) con sedute e aree dedicate alle fasi più tipiche della colazione e del fuori pasto: dal caffè americano (Premium coffè bar) al cocktail bar. C'è anche uno spazio Princi per i prodotti da forno, dai croissant alle focacce. Princi è un attrattore nell'attrattore, ottima combinazione tra una multinazionale e un marchio locale ben connotato e storico, simbolo della ristorazione meneghina. Un connubio che farà scuola.
L'obiettivo è creare un luogo di attrazione e permanenza delle persone fino al pomeriggio e alla sera. Ed è probabile che il primo Starbucks italiano aprirà proprio con questo format. Ne sono previsti nei prossimi anni almeno un migliaio impostati secondo questi criteri.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome