Ups centralizza a Colonia il traffico merci

Schermata 2016-09-27 alle 16.34.01Il corriere espresso Ups vanta a Colonia l’hub di riferimento europeo, collocato  strategicamente nella parte ovest della Germania, nel centro del corridoio blu, o “banana blu”, di 500 km da Birmingham a Milano, entro il quale sono raggiungibili la maggior parte dei clienti del corriere, nato nel 1907 a Seattle e oggi ubicato ad Atlanta. “Colonia rappresenta il più grosso investimento fuori dagli Stati Uniti -spiega Gianni Cherobin, italiano e direttore dell’hub collocato nell’omonimo aeroporto-, oltre 135 milioni di dollari nella prima tranche. Abbiamo cominciato nel 1987 con una piattaforma solo per i voli aerei da e per gli Usa, una quarantina di addetti e un tendone esterno all’edificio. Poi l’evoluzione che ha portato all’ultimo investimento di oltre 200 mila dollari nel 2014, il più consistente per l’azienda al di fuori degli Stati Uniti, per l’acquisto delle strutture e a una capacità di smistamento pari a 190 mila pacchi in un’ora da 38 aeromobili, di cui 18 di proprietà e 20 charter”. Ups è il cliente più importante dell’aeroporto, impiega circa 2.800 persone, in massima parte part time a sei ore, con molti studenti, e usufruisce di alcuni privilegi legati alla propria valenza economica e indispensabili per la celerità del servizio. Per esempio, la possibilità di parcheggiare il velivolo molto vicino alla struttura, cosa che velocizza il transito delle merci.

L'intero articolo su Gdoweek n. 15

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome