Aperto a Silverlake il 365 di Whole Foods Market

Ha aperto il 25 maggio, a Silverlake, il primo e attesissimo 365 di Whole Foods Market. 2.700 mq, di cui 500 dedicati al mondo Veg, ampia anche la sezione Grab-and-go (prendi e vai) con i piatti pronti dalla pizza, agli hot-dog senza carne, alle insalate di quinoa, riso e vegetali. Sparisce il mediterraneo dall’offerta dei piatti pronti e d’asporto e si fa largo l’esotico: i coreani bibimbap e kimchee con riso fritto, le enchiladas, i germogli al schichimi togorashi (peperoncino ai sette sapori).
La filosofia è EDLP (anche se per l’apertura, numerosissime le promozioni) e il desiderio è di farsi percepire come una catena dai prezzi, se non bassi, convenienti. La proporzione tra biologico e tradizionale si fa più bilanciata con un aumento delle referenze non bio. Mentre per carne e pesce la filosofia rimane quella della casa madre: filiere garantite e segnalazione degli standard utilizzati di welfare animale.

Una App per i vini

Non mancano i vini valorizzati da una app che ne scannerizza l’etichetta dandone tutte le informazioni e valutazioni relative. Anche qui il prezzo è attentamente monitorato e tutte le etichette sono al di sotto dei 20 dollari (prezzo più che conveniente per il mercato USA). Non mancano le etichette locali (siamo in California dove le winery abbondano).
L’area latticini offre un assortimento vasto anche di referenze anche senza lattosio, dai latti freschi di mandorle, cocco e soia a quelli di lunga conservazione di riso, quinoa e canapa.

 

 

Per Whole Foods Market un concept da Millennials

Il layout è all’insegna della praticità, il negozio è completamente aperto alla vista del cliente la scaffalatura è bassa e permette così di abbracciare con uno sguardo l’intero layout. I colori, blu, rosso e giallo, sono stati selezionati per dare un’impronta energetica alla prima occhiata. I prezzi sono tutti elettronici, non manca il wi-fi in tutte le aree di ristorazione sparse per il negozio, così come il servizio istant-cart e un parcheggio protetto per le biciclette.
Ogni negozio, a cominciare da questo, avrà la cifra stilistica di un’artista locale che lo “calerà” nel contesto in cui si trova.
In sintesi, un concept dedicato ai milennials in tutto e per tutto, come promesso.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome