Billa progetta per la scuola edutainment sul cibo

Retail

Billa si fa promotrice di un nuovo progetto di edutainment nelle scuole primarie: Buono a sapersi!, un'iniziativa che fa parte della più ampia iniziativa dal titolo Billa a scuola: si tratta di una serie di eventi appositamente pensati e sviluppati per i bambini delle scuole elementari.

Iniziative a supporto dei programmi didattici
Sotto questo cappello rientrano infatti tutte le iniziative a supporto dei classici programmi didattici.
Il claim “Buono a sapersi: un viaggio tra conoscenza e gusto” fa riferimento ai due aspetti fondamentali del progetto: l'elemento educativo (sapersi) e quello qualitativo (buono) riferito al cibo e alla sua origine, con l'intento di introdurre i bambini al concetto di filiera alimentare e di qualità dei prodotti, con un focus sui freschi.

Coinvolte 20 scuole
Il progetto prevede il coinvolgimento di 20 scuole, con il supporto e la presenza di animatori ed educatori che guideranno i bambini in laboratori e giochi (“componi il reparto”, “da dove vengo e come sono fatto” e “il frigorifero della buona spesa”), mentre in altre 24 scuole è previsto l'invio del solo kit di materiali didattici, tra cui schede, manuale, leaflet, cd e poster, da utilizzare in autonomia.

In palio libri e materiali didattici
Tutte le 44 scuole potranno partecipare al contest creativo Inventa la pubblicità della sana alimentazione, un esercizio creativo che mette in palio un buono per l'acquisto di libri e materiali didattici.
“La creazione del progetto Billa a scuola, e dell'iniziativa Buono a sapersi nello specifico, nascono a seguito del particolare apprezzamento dell'attività di edutainment sviluppata durante lo scorso anno scolastico, il progetto scuola Alliga Joe e i 6+1 continenti. L'iniziativa didattica condotta in 20 scuole ha riscosso ampio successo da parte sia degli insegnanti che degli alunni" ha dichiarato Rosanna Ungaro, direttore marketing & comunicazione di Rewe Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome