Cantina di Vicobarone strizza l’occhio ai giovani

Calera è una linea dall'etichetta accattivante che mira ai millennials. La calera, in dialetto piacentino, è la strada che separa un vigneto e l'altro.
Si tratta di quattro referenze, due bianchi (Ortrugo dei Colli Piacentini e Malvasia Colli Piacentini) e due rossi (Gutturnio Colli Piacentini e Bonarda Colli Piacentini).

Bianchi
Ortrugo è un vino ottenuto da uve autoctone piacentine, di grande piacevolezza, inconfondibile per l'equilibrio organolettico. Si abbina a una vasta gamma di piatti piacentini.

 

 

Il Malvasia secco Calera è un vino prodotto da Malvasia bianca aromatica di Candia, vitigno originario dell'antica Grecia e presente nei Colli Piacentini da secoli. È il risultato della selezione dei migliori vigneti coltivati con passione e rispetto, che producono questa straordinaria uva dal colore oro. Ottimo compagno per tutti i “fuori pasto”.

Rossi
Per quanto riguarda i rossi, il Bonarda secco Calera è ottenuto dalla vinificazione in purezza del vitigno Croatina, massima espressione della tradizione dei Colli Piacentini. L’esposizione dei vigneti, la bassa resa naturale dovuta all’età dei vigneti ed una vinificazione lenta producono un vino secco e vivace dal profumo netto e intensamente fruttato con note di ribes e mora di rovo.

Il Gutturnio frizzante Doc è ottenuto dalla vinificazione congiunta di uve Croatina e Barbera. Vino equilibrato dall'intenso profumo e dal perlage intenso e morbido.
Ideale con salumi, carni bianche e rosse o con formaggi mediamente stagionati.

Jessika Pini

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome