Caviro valorizza gli scarti di produzione

Cantina dei record, Caviro di Faenza (Ra) è anche la più grande filiera vitivinicola d’Italia. E da oltre 50 anni è impegnata sull’utilizzo di fonti rinnovabili. Il gruppo ha creato una task force dedicata, Caviro Extra, con un investimento di 8 milioni di euro l’anno. Scarti e sottoprodotti, come vinacce, vinaccioli, feccia del mosto, foglie e tralci di potatura, diventano risorse per ottenere altri prodotti ad alto valore aggiunto ed energia. Con gli stabilimenti produttivi di Faenza e Treviso, l’impresa è fornitore di riferimento di semilavorati e materia prima per il comparto farmaceutico, alimentare e beverage con altri numeri da record.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Se sei abbonato, fai per visualizzare il contenuto, altrimenti abbonati

Sei abbonato a Gdoweek ma non hai mai effettuato l'accesso al sito?
Registrandoti qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento, entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome