White Paper: la comunicazione diretta e concreta. I volantini cartacei

White paper di approfondimento sul ruolo del volantino cartaceo, che trova una rafforzata ragion d’essere e complementarietà nella trasformazione digitale in corso

Il volantino cartaceo rappresenta un evergreen e un efficace punto d’incontro per un’integrazione tra fisico e digitale, il cui futuro prevede un’evoluzione mirata a raggiungere un grado sempre più elevato di personalizzazione per gli utenti.
Il volantino cartaceo, inoltre, si conferma come un media ricercato dai consumatori in fase di pianificazione della spesa e di confronto tra diversi competitor nella ricerca di promozioni e scontistica. Sarebbe, tuttavia, riduttivo relegarlo a questa funzione, in quanto rappresenta uno strumento strategico per creare una comunicazione d’insegna di valore, contribuendo su entrambi i versanti della fidelizzazione al brand e della lead generation.

Il White Paper, partendo dal ribadire la longevità storica, gli scopi e le prospettive di crescita futura del volantino sulla base dei desiderata degli stessi fruitori, sottolinea l’adattabilità dello strumento ai trend in corso (quello ecologico in testa, ma non solo) e alle condizioni congiunturali (la pandemia da Covid-19 e le conseguenti crisi sanitaria e socio-economica). Nel testo si fa uso di dati aggiornati a maggio 2020, raccolti da Eumetra MR, che descrivono le abitudini di acquisto dei beni di prima necessità, e i bisogni informativi necessari per organizzare ed ottimalizzare la spesa, soprattutto con riferimento ai punti vendita della Grande Distribuzione.
Nel corso della trattazione emerge il ruolo principe del volantino consegnato home-to-home, della preferenza per il volantino cartaceo, piuttosto che solo digitale, e della sua funzione di motore primo, iniziatore del customer journey dei clienti, e capace di orientarlo, impattando sull’experience complessiva offerta.

In conclusione, il volantino cartaceo esprime la sua valenza di “bussola” per i clienti, con grande potenzialità dovuta all’utilizzo di un linguaggio diretto, di maggiore concretezza e meno pubblicitario, rispetto ad altri canali tradizionali come radio, televisione e stampa; e, quindi, capace di emergere nel “rumore mediatico”. Ciò permette di conferirgli una posizione strategica nei piani comunicazione e marketing, e prospettare un futuro che lo vedrà – magari con vesti rinnovate in termini di messaggi e interfaccia digitale – pur sempre protagonista.

Tra i diversi argomenti, il white paper presenta i risultati di una ricerca un’indagine integrata condotta da Eumetra MR, qualitativa e quantitativa, con l’obiettivo di indagare le abitudini di acquisto dei beni di prima necessità, e dei bisogni informativi necessari per organizzare ed ottimalizzare la spesa, soprattutto con riferimento ai punti vendita della Grande Distribuzione.

  • La “Top 3” dei mezzi di comunicazione tra volantino, materiale del pdv, internet
  • Analisi e comparazione su organizzazione della spesa, heritage e brand
  • Sentiment verso promozioni e offerte personalizzate
  • Desiderata nei confronti dei volantini

SCARICA IL WHITE PAPER

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome