Conai parla della sostenibilità del package

Servizi

Il convegno si è svolto il 30 novembre a Milano presso la sede del Gruppo 24 Ore. Organizzato da Conai (Consorzio per il recupero degli imballaggi) in collaborazione con Mark Up l'evento ha posto al centro del dibattito, il ruolo della filiera dell'industria e della distribuzione nello sviluppo di soluzioni di pack più green.

I questo senso è stato presentato uno strumento, LCA, Life Cicyle Thinking, messo a punto da Conai che mette in condizione le aziende "di ripensare i prodotti e i processi che generano i prodotti in una logica complessiva -ha spiegato Gian Luca Baldo, docente di Analisi del Ciclo di Vita ed Eco Design della Facoltà di Ingegneria del Politecnico di Torino e fondatore di Life Cycle Engineering. L'LCA è una tecnologia standardizzata a livello internazionale che viene ormai usata usata ampiamente. Per chi si occupa di imballaggi, l'LCA dovrà tener conto di quello che succede dall'estrazione delle materie prime al rientro in circolo dei materiali”. Uno stimolo in più a guardare sempre di più a pratiche di prevenzione oltre che a quelle di riciclo.

Una prevenzione possibile soprattutto se fatta a livello di filiera, così si sono confrontati i vari attori del largo consumo nel corso della tavola rotonda Industria e retail insieme per disegnare percorsi di sostenibilità, moderati da Cristina Lazzati, vicedirettore area Retail Gruppo 24 ORE, Erica Fiore, responsabile marca privata di Simply, Mario Gasbarrino, Ad di Unes, Michele Mastrobuono, direttore ambiente e relazioni esterne Tetra Pak, Giacomo Archi, presidente e Ad di Henkel Italia, Walter Facciotto, Dg di Conai.
Per conseguire risultati ancora più soddisfacenti sul fronte della sostenibilità nell'imballaggio, alla distribuzione si chiede in primis di fare più informazione presso il consumatore e poi di aver più coraggio nella scelta dei fornitori, privilegiando quelli più sensibili e orientati all'ambiente. All'industria si domanda, invece, di investire sempre di più in innovazione guardando alla sostenibilità del prodotto e del pack e non solo alle sue performance.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome