Controlli sugli alimenti importati dal Giappone

Servizi e tecnologie

In via cautelativa, il Ministero della Salute ha disposto che i generi alimentari prodotti o confezionati in Giappone dopo l'11 marzo 2011 -cioè dopo l'incidente di Fukushima- in arrivo in Italia debbano essere sottoposti a specifici controlli per la ricerca di radionuclidi  da parte dell'Ispezione Frontaliera (PIF) e degli Uffici di Sanità Marittima Aerea e Frontaliera (USMAF).

Un provvedimento assolutamente giustificato, ma che occorrerò mantenere in essere a lungo, se si considera che -secondo una recente ricerca condotta da Greenpeace in Ucraina- a 25 anni di distanza dal disastro nucleare di Chernobyl rivela ancora alti livelli di contaminazione radioattiva in molti alimenti  di base, sia di origine animale (latte), sia vegetale (funghi).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome