Coop Adriatica 2012: tengono le vendite e l’utile è superiore alle attese

Retail

Nonostante il crollo dei consumi dell’anno scorso Coop Adriatica chiude il bilancio 2012 con vendite in lieve crescita, a quota 2,092 miliardi di euro (+0,3%), un utile di 26,6 milioni di euro e un risultato operativo superiore alle attese, che consentirà di erogare sia il ristorno ai soci, sia il salario variabile ai circa 9.000 lavoratori.

L'assemblea si svolge nel giorno di apertura dell'Enercoop
Il bilancio verrà portato all’approvazione dei soci Coop dal 16 maggio lo stesso giorno in cui la Cooperativa aprirà il primo
distributore di carburanti a marchio Enercoop a Castel Maggiore, nel
Bolognese.
"La grave crisi economica in atto -spiega il presidente, Adriano Turrini- ci impone di svolgere la nostra missione in modo nuovo. Con Enercoop vogliamo estendere la nostra mutualità e abbassare il caro benzina in un mercato che, in Italia, si presenta ancora estremamente rigido e più caro che nel resto d’Europa, ai danni dei consumatori".

I risultati del 2012

Nel 2012 Coop Adriatica ha realizzato vendite per 2,092 miliardi di euro
(+0,3%) a rete totale; negli ipermercati (-2,1%) si è avvertito di più
il calo delle vendite dei prodotti non alimentari. La tenuta dei
risultati nella gestione caratteristica è dovuta soprattutto ai
supermercati e alla loro estensione; la Cooperativa ha investito circa
38,6 milioni per lo sviluppo e la riqualificazione della propria rete di
vendita, che ha superato i 274 mila metri quadrati (+1,6%) con cinque
nuove aperture: tre a Bologna, una a Loreto e il Coop&Coop Campo
Grande a Mestre. Inoltre, dopo la deregulation sulle aperture
domenicali, Coop Adriatica ha siglato intese innovative con le
organizzazioni sindacali: una soluzione che ha consentito di aprire
molti negozi la domenica e non perdere vendite, salvaguardando i diritti
dei lavoratori.

Risposta: prezzi bassi
Alle maggiori difficoltà delle
famiglie, Coop Adriatica ha risposto mantenendo bassi i prezzi dei
prodotti di uso quotidiano e con forti iniziative promozionali,
soprattutto a favore dei soci Coop, che nel corso dell’anno sono
arrivati a 1.210.760, in crescita del 4,7%; ai soci è andato il 75,3%
delle vendite (+1,3%) e vantaggi per 170,1 milioni di euro: 152,9 dalle
promozioni, 11,7 dalla raccolta punti, 3,9 dal ristorno sociale e 1,6
milioni dalla rivalutazione delle quote sociali. La convenienza ha
riguardato anche i testi scolastici e universitari -gli sconti
praticati hanno trasferito vantaggi per 1,7 milioni- la telefonia
mobile (Coop Voce ha accresciuto del 27,8% il numero delle utenze
attivate) e la salute: sono salite a 21 le parafarmacie, con l’apertura
dei Coop Salute in due supermercati (Venezia Piazzale Roma e Mestre
Campo Grande), e con l’inaugurazione, a Bologna, del primo punto vendita
Stai Bene Coop. Nel corso dell’anno, inoltre, in media ogni settimana
6.500 soci hanno beneficiato dello sconto per i lavoratori vittime della
crisi, che ha trasferito loro risparmi per 1,3 milioni di euro.
Quest’anno, nuove promozioni solidali sono dedicate ai giovani, alle
famiglie con bambini piccoli, agli studenti.

Nuovi settori
Quest’anno, Coop Adriatica sta estendendo la propria attività anche in altri settori innovativi e fondamentali per i bilanci familiari: oltre ai carburanti, anche salute e assistenza con Faremutua e Identicoop, e i servizi bancari, assicurativi e finanziari con CoopCiConto. Il bilancio 2012 e la start up con la quale la Cooperativa gestirà la nuova rete di stazioni di servizio sono stati presentati oggi a Bologna in una conferenza stampa dal presidente, Adriano Turrini, affiancato dal vicepresidente Giovanni Monti, dal presidente di Enercoop Adriatica, Domenico Pellicanò, e dal direttore generale alla Gestione di Coop Adriatica, Tiziana Primori.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome