Editoriale: “Oggi non lavori vai al cinema!” Si può fare?

Se ne è parlato, anche se non tantissimo (ha fatto più scalpore la “sguattera del Guatemala”), del bonus dato ai dipendenti da Brunello Cucinelli per libri e cultura: 500 euro ai single e 1.000 alle famiglie. Non è la prima volta che Cucinelli fa scalpore (in positivo) per la cura che ha dei suoi collaboratori; ma quanti imprenditori italiani, oggi, sono convinti che la cultura sia realmente una necessità? E quanti, tra questi, sono convinti che lo sia per i propri dipendenti (a tutti i livelli)? Quanti sono disposti ad investire perché leggano libri, vadano a teatro, al cinema, perché viaggino?

Eppure qualcosa si muove in questo senso: pensiamo a Conad con #scrittoridiclasse o all’arte in metropolitana di Esselunga. Ma il gesto di Cucinelli continua ad essere unico ... o mi sbaglio? Aiutatemi a ricredermi e gentilmente segnalatemi gli investimenti in cultura fatti da aziende verso i propri collaboratori (no corsi di formazione) e con entusiasmo e rinnovata fiducia li pubblicheremo.

01_GDOWEEK08_2016_Editoriale_twitter

Amo il cambiamento e lo vivo con passione, mi occupo di marketing e retail da quindici anni, ho diretto on e off Gdoweek e da qualche tempo anche Mark UP, prima ho seguito con altrettanta passione cinema e lifestyle, ho scritto di moda e di ristoranti, ho lavorato per la televisione e per la radio, ho vissuto almeno tre vite e nessuna mi ha annoiata.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome