Editoriale: Senza Sud l’Italia non riparte

28Una nota positiva, per un Sud in crisi costante, eppure le idee non mancano. Pensiamo ad Andrea Camposeo, del CnrNano di Lecce, che si è aggiudicato un finanziamento europeo di 2milioni di euro per sviluppare un progetto di stampa 4D. Oppure all’asilo notturno per braccianti, a Villa Castelli, tra Taranto e Brindisi, dove un terzo degli abitanti lavora nei campi e durante l’estate si sposta fino in Basilicata. Due esempi che abbracciano l’intero mondo del lavoro. Non basta. I dati demografici sono sconfortanti. Al Sud va il triste primato dei redditi più bassi d’Italia. Molte aziende scappano, altre resistono, innovano. Ancora troppo poche, ancora troppo sole. La genialità del Sud deve trovare una via che non è uguale a nessun’altra. Il Sud è unico, unico per bellezza, per colori, per storia e le unicità non possono, quando fa comodo, diventare standard. Non funziona e non ha mai funzionato; questo ormai lo dovremmo avere imparato. Tutti.

01_GDOWEEK05_2016_Editoriale-Twit

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome